Seguici su:

Reportage

Letto 1333 Volte
Condividi

Reportage dai mercati rionali di Roma: la nuova povertà /3

Prosegue la nostra inchiesta sulla situazione di povertà riscontrata nei mercati della Capitale. Il fenomeno, che abbiamo già ampiamente raccontato e documentato nei precedenti articoli (Reportage dai mercati rionali: la nuova povertà /2), sembra essere piuttosto diffuso ed a giudicare da quanto abbiamo avuto modo di vedere non ha particolari connotati o caratteristiche fisse entro cui circoscriverlo.
Ci siamo recati quindi presso un altro mercato in una zona della periferia nord di Roma, sulla via Boccea  per cercare ulteriori conferme che, puntualmente sono arrivate; questa volta senza nemmeno troppa fatica, è stato sufficiente giungere sul posto e presentarci come cronisti per sentirci dire:” Voi che siete giornalisti dovreste venire un giorno qui con la macchina fotografica ed immortalare quanto accade: tutte queste persone che attendono l’ora di chiusura del mercato per raccogliere la roba tra i rifiuti.”

Pubblicità

Mercato rionale di Boccea: la fila davanti ai cassonetti

Il nostro interlocutore, che ha un banco di frutta in quel mercato da diversi anni, ancora non sa che siamo lì proprio per quello. Appena ne viene a conoscenza, riprende a raccontare: “E’ un fenomeno molto diffuso, ormai siamo abituati. Un tempo erano solo stranieri, ora sono quasi tutti italiani. E’ un continuo via vai di gente, la maggior parte pensionati. Molti li conosciamo, vengono qui spesso. La vedete quella signora li?” ci dice indicando una donna molto avanti con gli anni, capelli grigi raccolti ed un aspetto piuttosto elegante “Viene tutti i giorni all’ora di chiusura del mercato, raccoglie tutto quello che riesce e va via con le buste piene.”
Tutto già visto e sentito, la situazione è uguale a quella dei precedenti mercati rionali dove la gente è sorpresa più che altro dal fatto che, a raccogliere la roba dai rifiuti, non sono soltanto nomadi o senza tetto, ma anche italiani.
Muovendoci tra i banchi notiamo un addetto alla pulizia del mercato che sta raccogliendo e selezionando la roba da buttare dividendola per la raccolta differenziata;Povertà nei mercati rionali pensiamo che nessuno meglio di lui possa dare una testimonianza sulla vicenda e ci avviciniamo per intervistarlo:
“Lavoro per una cooperativa sociale che ha il compito di pulire la strada quando chiude il mercato, noi ci occupiamo in particolare del materiale organico. Confermo quanto vi hanno detto, qui è pieno di gente che viene a raccogliere frutta, verdura e quant’altro dalla spazzatura. Spesso mi tocca anche discutere perchè preparo i sacchi con il materiale organico per il riciclo, li chiudo, e appena mi allontano arriva qualcuno che va ad aprirli per cercare qualcosa. Ci sono zingari, certo, ma anche molti italiani. E la maggior parte li conosciamo bene, gente del quartiere.”

Un tempo lo facevano gli zingari:

“Confermo anche io quanto vi stanno raccontando” ci dice un ragazzo, anche lui proprietario di un banco di frutta e verdura “sono soprattutto italiani. Tanto è vero che le prime volte restavamo sorpresi anche noi nel vedere gente normale, in apparenza anche piuttosto elegante, fare queste cose. Pensavamo pure che non lo facessero per effettiva necessità, ma che magari il loro fosse solo un non voler spendere soldi. Poi abbiamo capito che lo fanno soprattutto per bisogno; è un periodo di crisi, c’è parecchia miseria in giro. Molti di loro sono pensionati o disoccupati che magari non riescono ad arrivare a fine mese.”
Anche in questo mercato abbiamo riscontrato lo stesso fenomeno, forse in maniera ancor più marcata rispetto ai precedenti; la situazione che si sta via via delineando è quella di una miseria sempre più estesa a diversi strati della società, gruppi che prima ne erano esenti e che adesso ne vengono travolti come da un fiume in piena.
E’ un fenomeno sempre più evidente, riscontrabile nella vita di tutti i giorni, come quella dei mercati, magari non sempre ce ne accorgiamo o, talvolta, stentiamo perfino a crederci essendo troppa la sorpresa. Come nel caso di un ragazzo che, avendo ascoltato quanto ci è stato detto dal nostro ultimo interlocutore, si avvicina stupito e si affretta a chiederci: “Ma veramente accade questo? Pensavo che fosse un fenomeno circoscritto solo agli zingari. Come è possibile? Gente normale che fruga tra i rifiuti per raccogliere frutta e verdura? Mamma mia, dove siamo arrivati!”

Pubblicato in Reportage

Scritto da

Pierfrancesco Palattella

Giornalista indipendente, web writer, fondatore e direttore del giornale online La Vera Cronaca e del progetto Professione Scrittura

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: