Seguici su:

Inchieste

Letto 50 Volte
Condividi

Vivere bene e a lungo: esiste realmente la longevità?

La longevità è da sempre un obiettivo che molti desiderano raggiungere. Per vivere una vita lunga e sana è necessaria però una combinazione di elementi che includono la genetica, lo stile di vita e le scelte quotidiane. In questo senso, è importante quindi prendersi sempre cura del proprio corpo, della propria mente ma anche delle relazioni, godendosi la vita senza eccessi e conoscendo pienamente se stessi.
Il vivere sano, del resto, negli ultimi anni, è divenuto ancor più una priorità diffusa, alla luce di una maggiore sensibilità della società odierna per quanto riguarda la salute e il benessere dell’organismo e, pur non essendoci ricette magiche, e, considerando sempre i fattori genetici sui quali possiamo intervenire solo in parte con la prevenzione e il controllo continuo, esistono alcuni comportamenti generali che possono contribuire ad “allungare la vita”.

Alimentazione sana e attività fisica regolare

Il primo passo riguarda ovviamente l’alimentazione. Una dieta equilibrata e sana è fondamentale per una vita longeva e in questo senso si dovrebbero consumare una varietà di cibi nutrienti, inclusi frutta, verdura, cereali integrali, proteine magre e grassi sani. Parallelamente, è importante limitare l’apporto di zuccheri, grassi saturi e sale e optare sempre per porzioni moderate per mantenere un peso corporeo bilanciato e in linea con le proprie caratteristiche fisiche. Collegato a questo punto, bisogna anche idratarsi adeguatamente, con acqua a sufficienza durante la giornata ed evitando bevande zuccherate e gassate. I consigli sull’alimentazione per vivere bene e a lungo sono innumerevoli, ma si possono seguire le indicazioni professionali presenti sui tanti portali dedicati, come The Open Ring, magazine online sulla longevità.

Oltre a mangiare bene, una componente essenziale è rappresentata dall’esercizio fisico regolare e al riguardo bisogna trovare un’attività fisica o uno sport che incontra le proprie preferenze, che sia camminare, correre, nuotare, praticare yoga o sollevare pesi. In questo contesto, è consigliabile praticare almeno 150 minuti di attività aerobica moderata o 75 minuti di attività aerobica intensa ogni settimana, oltre a esercizi di forza due volte alla settimana, per mantenere il peso, migliorare la circolazione, rafforzare il sistema immunitario e promuovere la salute generale.

Gestione dello stress e sonno di qualità

Lo stress cronico può avere un impatto negativo sulla salute e bisogna imparare a gestirlo attraverso tecniche di rilassamento come la meditazione, il tai chi o lo yoga, o mettendosi in contatto con uno specialista o terapeuta. L’importante è trovare attività che rilassano e aiutano a liberare la mente dallo stress quotidiano, assicurandosi di dedicare del tempo a se stessi ogni giorno e cercando di mantenere un equilibrio tra il lavoro e la vita personale. Collegato a questo punto, bisogno curare attentamente anche la qualità del sonno, cercando di dormire tra le 7 e le 9 ore ogni notte ed evitando le fonti che non permettono un adeguato addormentamento, come l’abuso di caffeina e alcol, pasti pesanti e l’uso di dispositivi elettronici prima di addormentarsi.

Relazioni sociali e isolamento

Le relazioni sociali positive sono un fattore significativo sulla longevità. Coltivare le amicizie e le relazioni familiari, partecipare ad attività di gruppo o volontariato, condividere interessi e trascorrere del tempo con le persone che ami sono elementi che migliorano concretamente la qualità della vita. Essere socialmente attivi e avere una rete di conoscenze può aiutare infatti a ridurre lo stress, promuovere la salute mentale, mentre l’isolamento sociale può essere incredibilmente dannoso.
Per questo, nei casi in cui si soffrisse di solitudine, è inutile e anche pericoloso “chiudersi a riccio”, cercando invece assistenza da gruppi di supporto, associazioni o club che condividono i propri interessi, facendo uso anche della tecnologia e dell’ambiente digitale, senza abusarne però, per rimanere in contatto con amici e familiari lontani.

Mantenere la mente attiva e una mentalità positiva

Mantenere la mente attiva e stimolare il cervello con attività che sfidano la memoria, la concentrazione e la creatività contribuiscono a vivere meglio e più a lungo. Si possono leggere libri, risolvere puzzle, imparare nuove abilità o partecipare a corsi o workshop, per promuovere la salute cognitiva e il ragionamento anche con l’avanzare dell’età. Allo stesso modo, si dovrebbe avere anche una mentalità positiva con una prospettiva ottimista, praticando la gratitudine e cercando di affrontare gli ostacoli e i problemi con resilienza. Anche l’autostima e la fiducia in se stessi sono elementi da tenere sempre in considerazione.

Prevenzione e cura della salute

Ovviamente non può mancare la prevenzione e la cura della salute generale, effettuando controlli medici regolari, seguendo le linee guida per gli esami di routine e per lo screening di malattie specifiche. In quest’ottica, si deve avere anche una buona igiene personale, adottare misure di sicurezza e protezione come l’utilizzo di cinture di sicurezza, caschi e protezione solare e vivere in un ambiente sano al riparo da agenti nocivi come eccessivo smog o sostanze chimiche. Neanche a dirlo, si dovrebbero infine evitare comportamenti rischiosi come il fumo, l’abuso di alcol e l’uso di droghe illecite che possono, come noto, compromettere la tua salute a lungo termine.

Pubblicato in Inchieste

Scritto da

Blogger, esperto di web e web marketing

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: