Seguici su:

Interviste

Letto 1891 Volte
Condividi

Il lavoro del maggiordomo: una figura ancora attuale

Se la loro figura è ammantata da un certo romanticismo il motivo è ad attribuirsi principalmente al cinema ed alla letteratura che più volte l’ hanno descritta in salsa romanzata; ma l’ importanza che ricopre va ben oltre la finzione narrativa, ed anzi assume un valore di estrema concretezza nella vita reale seguendo il mutare dei tempi e spogliandosi di molti clichè da pellicola cinematografica.
“Quella del maggiordomo, al contrario di quanto si possa pensare, è una professione molto attuale che si è saputa modernizzare nel tempo.”
Ad introdurci in questo mondo con queste parole è Elisa Dal Bosco, Presidente dell’ Associazione Italiana Maggiordomi, un’ associazione che riunisce circa 200 maggiordomi tra uomini e donne e che si propone di promuovere e valorizzarne la figura e la professione.

Pubblicità

La figura del maggiordomo

“La nostra associazione è nata 3 anni fa dalla passione di persone che conoscono bene la figura del maggiordomo, la hanno conosciuta sia in Italia che all’estero. Il progetto nasce dalla volontà di dare nuova vita a questa figura che ormai era un po’ messa in naftalina: abbiamo deciso di rinvigorirla ed anche di dare una nuova visione di una professione che è veramente molto attuale. Non abbiamo più solo maggiordomi che lavorano in divisa, come da tradizione, ma i maggiordomi di oggi lavorano anche con un paio di jeans, una giacca e lo smartphone.”
Quindi una figura che si è saputa reinventare nel corso degli anni?
“Esattamente: è fuori di dubbio che dobbiamo ringraziare i grandi film internazionali che ci hanno mostrato una figura del maggiordomo in un determinato modo al servizio di una famiglia. Questo va benissimo, ma oggi siamo nel 2011 e dobbiamo attualizzare una figura che non è soltanto quella del cinema ma è invece una figura concreta ed attualissima.”
Quale è la caratteristica principale di un buon maggiordomo?
“La caratteristica base è la pazienza. Il maggiordomo di oggi visto come assistente personale deve essere visto un po’ come un direttore di orchestra, che deve organizzare tutti gli strumenti e cercare l’armonia giusta; per fare questo deve conoscere tutti gli strumenti bene in modo da poterli organizzare. Quindi tra le caratteristiche fondamentali dico la pazienza ed una capacità organizzativa oltre misura.”

Una professione sia per uomini che per donne

Altri particolari requisiti per svolgere questa professione?
“Non ne vedo di specifici: è, come dicevo, una professione molto attuale ed indicata sia per uomini che per donne, dai più giovani per arrivare fino alla seconda e terza età.”
La figura del maggiordomo viene spesso accostata a quella di un collaboratore domestico. È così sbagliata come idea?
“Il maggiordomo è una figura più completa rispetto al collaboratore domestico; il maggiordomo è una figura che sa fare anche il collaboratore domestico, ma è qualcosa in più. Come dicevo prima egli è un direttore di orchestra e, come tutti i direttori di orchestra, se si rompe uno strumento è lui che interviene per porvi rimedio. Quindi nel suo lavoro il maggiordomo è un po’ il direttore della casa. O anche di un reparto alberghiero, di una nave, di un aereo privato e di qualunque altro luogo nel quale egli sia impiegato.”

Diventare maggiordomo: requisiti necessari

Quella del maggiordomo è vista come una figura esclusiva, per pochi, quasi elitaria. Corrisponde al vero?
“E’ una figura esclusiva nonché unica nel suo genere, ma alla portata di tutti perché, oggi, ci sono anche maggiordomi free lance, a giornata o per poche ore; noi riceviamo spesso richieste di questo tipo. C’è addirittura anche chi lo ha regalato nella lista nozze.”
Quindi questa figura è diventata più ‘popolare’ ed alla portata di tutti?
“Assolutamente si, una figura alla portata di tutti e la si deve vedere un po’ come un assistente personale; adesso il vero lusso di tutti è un po’ il tempo, non soltanto il denaro. E un assistente personale è sicuramente la chiave giusta per dedicarsi del tempo.”
Come si diventa bravi maggiordomi?
“Noi consigliamo di fare un corso perché così si mette una buona base di conoscenze; ma maggiordomo si diventa solo dopo aver fatto tante esperienze, non solamente con un semplice corso. Si impara sul campo, come la maggior parte dei mestieri. “
Quali sono le problematiche maggiormente sentite dalla vostra categoria?
“Un problema che stiamo cercando di risolvere è quello del contratto: tuttora in Italia ci sono contratti solo come collaboratore domestico, la categoria maggiordomo non è riconosciuta. Molte di queste persone quindi o devono aprirsi una partita iva ed essere autonomi, oppure se si vuole utilizzare i contratti generici la cosa risulta più problematica. La parte contrattualistica è quella sulla quale ci stiamo concentrando di più per far si che si cambi qualcosa. Stiamo cercando di far parlare molto di questa categoria per arrivare ad un suo riconoscimento.”

Il maggiordomo in Italia e all’estero:

Quanti maggiordomi ci sono in Italia oggi?
“Solo nella nostra associazione, che è giovane essendo nata da 3 anni, almeno 200; ma ce ne sono molti di più, e moltissimi lavorano all’estero. C’è questa grande richiesta fuori dal nostro paese proprio perché è una figura che in Italia è stata un po’ messa da parte, poco riconosciuta o confusa con servizi domestici completamente diversi.”
Quindi all’estero c’è molta richiesta di maggiordomi italiani. Da quali paesi arrivano queste richieste?
“Inghilterra, Stati Uniti, Svizzera, Olanda: sono loro soprattutto che richiedono maggiordomi italiani, ma ve ne sono anche altri. Noi dobbiamo essere felici di esportare il nostro made in Italy anche nei servizi. E questo avviene proprio perché il maggiordomo italiano, uomo o donna che sia, ha un bagaglio culturale legato ad arte e buon gusto che in tanti ci invidiano. Oltre che naturalmente una conoscenza approfondita della cucina e del vino.“
Buon gusto e raffinatezza, ovvero caratteristiche peculiari della vostra figura?
“Certamente, ha colto nel segno. Buon gusto e buone maniere, modi di fare, galateo nella conversazione, ma anche occuparsi dei fiori; sono tutte peculiarità che sono insite nella nostra cultura made in Italy, e questo è il motivo per il quale i maggiordomi italiani sono molto richiesti all’estero”

Pubblicato in Interviste

Scritto da

Pierfrancesco Palattella

Giornalista indipendente, web writer, fondatore e direttore del giornale online La Vera Cronaca e del progetto Professione Scrittura

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: