Seguici su:

Satira

Letto 365 Volte
Condividi

Maledetti statali!

A premessa va detto che per statali si intendono tutti i dipendenti della pubblica amministrazione, quindi ministeriali, vigili del fuoco, dipendenti di regioni, province, che ancora esistono, e comuni, e anche carabinieri, polizia, finanza, esercito, polizia carceraria, insegnanti, medici, infermieri, magistrati, dipendenti delle Asl o Usl o Asst come lo stesso servizio viene chiamato nelle diverse regioni. E chi più ne ha più ne metta.
In totale fanno 3.240.000 persone al 2017. Tutta colpa loro se da sempre siamo nei guai. E non è bastato neanche ridurli di 200mila unità in nove anni per risolvere la situazione dell’italico stivale. Maledetti statali! E solo perché un burlone s’è messo a timbrare il cartellino in mutande, e qualche altro dadaista l’ha fatto anche per gli amici o chi è andato a fare la spesa o ha allungato la pausa caffè durante l’orario di lavoro, ma chi non l’ha mai fatto anche tra i privati? Evvia.

La crisi? La devono pagare anche i dipendenti statali

E poi pochi casi, da sanzionare o licenziare ovviamente, ma pochi su oltre tre milioni e briscola di coscienziosi lavoratori. E adesso gli statali sono “quelli con il culo caldo” come, lo scorso 5 novembre a Piazza Pulita, con mirabile metafora li ha definiti il Formigli Corrado, uno che certo freddo non ce l’ha.
E anche il Cacciari Massimo, professore, ha iniziato a dire che a pagare la crisi non devono essere solo i precari, che spesso lavorano nella pubblica amministrazione, e le partite IVA, che non tutte hanno virgineo stato. E già, i tutelati sono quelli della pubblica amministrazione: possono essere assunti solo tramite concorso, non vengono messi in cassa integrazione, difficilmente sono licenziati, non possono fare nero, non possono evadere le tasse.
E qui finiscono le cattive notizie. Poi ci sono le buone: a parità di funzione hanno stipendi più bassi rispetto ai privati, a parte pochi furbacchioni apicali ben protetti dalla politica, i loro contratti di lavoro vengono rinnovati a babbo morto e con spiccioli, non percepiscono la quattordicesima mensilità, quando vanno in pensione non ricevono nei tempi normali l’intero importo della liquidazione come tutti gli altri lavoratori, ma a rate. Già, a rate.

Ma conviene poi veramente essere dipendenti statali?

Questo è stato un geniale colpo di creatività: l’erogazione avviene dopo 105 giorni per decesso o inabilità, dopo 12 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro, se questa avviene per raggiunto limite di età o scadenza del contratto a tempo determinato, o per risoluzione unilaterale del datore di lavoro a seguito del raggiungimento dei requisiti della pensione anticipata.
Se la prestazione non viene corrisposta entro i successivi tre mesi, che quindi arrivano a quindici, sono dovuti gli interessi al tasso legale per ogni giorno di ritardo. Bellissimo. E infine: dopo 24 mesi dalla cessazione in tutti gli altri casi: dimissioni volontarie con o senza diritto a pensione, licenziamento/destituzione. Equiparando il licenziamento o la destituzione alla pensione. Geniali.
Se la prestazione non viene corrisposta entro i successivi tre mesi, bla, bla… Piccolo dettaglio: alcuni enti chiedono ai dipendenti anche se obbligati alla pensione, di scrivere la lettera di dimissione e quindi dall’anno si scavalla ai due. Furbetti.

Se la casta paga il silenzio

Ma non basta il Tfr: viene erogato in un’unica soluzione solo se l’importo è sotto i 50.000€ lordi avviene in due rate se è tra i 50/100.000€ in tre sopra i centomila. Alleluja. Si dirà che è immorale che il barbiere e i commessi di Camera e Senato guadagnino stipendi indecenti che possono arrivare fino a centomila euro annui, ma questa e la cartina di tornasole: la casta paga il silenzio.
Sai che bello se i commessi raccontassero tutto quel che vedono, sentono e sopportano a Montecitorio e Palazzo Madama. By the way la media dei dipendenti pubblici sul totale lavoratori in Europa è del 16%, in Italia è il 14%, si va del 29% della Svezia al 10% della Germania. L’Italia è la quart’ultima in Europa.

Pubblicato in Satira

Scritto da

Castruccio Castracani

Blogger satirico, polemico, dadaista, ghibellino, laico, uomo d'arme e di lettere - Il Vicario Imperiale

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: