Seguici su:

Politica

Letto 539 Volte
Condividi

Principio di sussidiarietà, cosa vuol dire e come si applica in politica

In politica, il principio di sussidiarietà è un principio di governance che afferma che le decisioni dovrebbero essere prese dal livello di governo più vicino ai cittadini, in grado di dare risposte più efficaci e rispettose delle specificità locali. In sostanza il principio di sussidiarietà si basa su due concetti fondamentali:

  • La vicinanza: le decisioni dovrebbero essere prese dal livello di governo più vicino ai cittadini, in modo da poter meglio comprendere le loro esigenze e rispondere in modo più efficace.
  • L’efficienza: il livello di governo più vicino ai cittadini è generalmente più efficiente nell’erogazione dei servizi pubblici, in quanto può contare su una maggiore conoscenza del territorio e delle risorse disponibili.

Cos’è il principio di sussidiarietà

Il principio di sussidiarietà è un concetto chiave in politica e sociologia. Significa che le decisioni e le responsabilità dovrebbero essere affrontate al livello più basso possibile dell’organizzazione o del governo. Questo principio promuove l’efficienza e la partecipazione delle comunità locali. Il principio di sussidiarietà ha applicazioni cruciali in politica.
In particolare, è spesso utilizzato nell’Unione Europea. L’UE si basa su questo principio per determinare quali questioni devono essere affrontate a livello comunitario e quali a livello degli Stati membri. La sussidiarietà è fondamentale per la distribuzione del potere. Assicura che il potere non sia concentrato in un’unica autorità centrale, ma piuttosto diffuso tra le autorità locali. Questo garantisce una migliore rappresentanza delle esigenze delle comunità locali.

Applicazione del principio di sussidiarietà

Il principio di sussidiarietà può essere applicato a diversi ambiti della politica, tra cui:

  1. La distribuzione dei poteri tra i diversi livelli di governo: il principio di sussidiarietà può essere utilizzato per definire i compiti e le competenze di ciascun livello di governo, in modo che ogni livello possa svolgere le funzioni che è più in grado di svolgere in modo efficace.
  2. La gestione dei servizi pubblici: il principio di sussidiarietà può essere utilizzato per definire la forma di gestione dei servizi pubblici, in modo che possano essere erogati dal livello di governo più vicino ai cittadini.
  3. La partecipazione dei cittadini alla vita politica: il principio di sussidiarietà può essere utilizzato per promuovere la partecipazione dei cittadini alla vita politica, incoraggiandoli a prendere parte alle decisioni che riguardano la loro comunità, il che può avvenire ad esempio con strumenti come il referendum popolare.

Esempi di principio di sussidiarietà

Per comprendere meglio il principio di sussidiarietà, diamo un’occhiata ad alcuni esempi pratici:

  • Educazione: Nel contesto dell’istruzione, il principio di sussidiarietà significa che le decisioni sulla gestione delle scuole dovrebbero essere prese a livello locale, da consigli scolastici o comitati direttivi. Questo consente di adattare l’istruzione alle specifiche esigenze delle comunità.
  • Sanità: Nel settore della sanità, la sussidiarietà implica che le decisioni sulla fornitura di servizi sanitari dovrebbero essere prese a livello regionale o comunale. Questo consente di adattare i servizi alle esigenze specifiche di ciascuna area.
  • Ambiente: Quando si tratta di questioni ambientali, la sussidiarietà suggerisce che la gestione delle risorse naturali e la protezione dell’ambiente dovrebbero essere controllate a livello locale, tenendo conto delle circostanze specifiche di ciascuna regione.

Norme e leggi sul Principio di sussidiarietà

Il principio di sussidiarietà è stato riconosciuto da diversi documenti internazionali, tra cui la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e la Carta delle Nazioni Unite sull’autodeterminazione dei popoli. In Italia, il principio di sussidiarietà è stato sancito dall’articolo 118 della Costituzione, che afferma che

“le funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni, alle Province, alle Città metropolitane, alle Regioni e allo Stato, secondo i principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza”.

Tipologie di Principio di sussidiarietà

l principio di sussidiarietà può essere suddiviso in due dimensioni:

  • La sussidiarietà verticale: si basa sul presupposto che le competenze amministrative dovrebbero essere assegnate al livello di governo più vicino ai cittadini, in grado di svolgere tali funzioni in modo più efficace ed efficiente.
  • La sussidiarietà orizzontale: si basa sul presupposto che i cittadini stessi, in forma associata o volontaristica, possono svolgere funzioni di interesse generale, con l’eventuale supporto dei pubblici poteri.

Principio di sussidiarietà verticale

La sussidiarietà verticale è il principio più comunemente associato al concetto di sussidiarietà. Si basa sul presupposto che le competenze amministrative dovrebbero essere assegnate al livello di governo più vicino ai cittadini, in grado di svolgere tali funzioni in modo più efficace ed efficiente. Ad esempio, la scuola dell’infanzia è una funzione che dovrebbe essere svolta dai Comuni, in quanto è una funzione di interesse locale che può essere svolta in modo più efficace ed efficiente da un ente locale che ha una conoscenza diretta delle esigenze del territorio.

Principio di sussidiarietà orizzontale

La sussidiarietà orizzontale è un principio meno comunemente associato al concetto di sussidiarietà, ma è ugualmente importante. Si basa sul presupposto che i cittadini stessi, in forma associata o volontaristica, possono svolgere funzioni di interesse generale, con l’eventuale supporto dei pubblici poteri. La sussidiarietà orizzontale è importante perché promuove la partecipazione dei cittadini alla vita sociale e politica, e può contribuire a migliorare la qualità dei servizi pubblici. Ad esempio, l’assistenza agli anziani è una funzione che può essere svolta dai cittadini stessi, in forma associata o volontaristica. I pubblici poteri possono sostenere queste attività, fornendo risorse o servizi di supporto.

Faq sul principio di sussidiarietà

Qual è l’obiettivo principale del principio di sussidiarietà?

L’obiettivo principale è distribuire il potere e le responsabilità in modo efficace, dando alle comunità locali una voce nelle decisioni che li riguardano direttamente.

Come si applica la sussidiarietà nell’Unione Europea?

Nell’UE, la sussidiarietà è utilizzata per determinare quale livello di governo affronta determinate questioni. Le questioni di interesse comune sono gestite a livello comunitario, mentre quelle locali rimangono sotto la giurisdizione degli Stati membri.

Quali sono i vantaggi della sussidiarietà?

I vantaggi includono una maggiore partecipazione delle comunità locali, una migliore adattabilità alle esigenze specifiche e una distribuzione equa del potere.

Quali sono le sfide associate alla sussidiarietà?

Le sfide possono includere la coordinazione tra diversi livelli di governo e il rischio di decisioni locali che entrano in conflitto con gli interessi generali.

Qual è l’origine del termine “sussidiarietà”?

Il termine ha radici nel latino “subsidiarius”, che significa “aiuto” o “supporto”.

Come può la sussidiarietà essere bilanciata con la necessità di una guida centralizzata?

Trovare il giusto equilibrio tra la sussidiarietà e la leadership centrale è una sfida politica. Può richiedere un costante dialogo e adattamenti in base alle circostanze.

Pubblicato in Politica

Scritto da

Giornalista indipendente, web writer, fondatore e direttore del giornale online La Vera Cronaca e del progetto Professione Scrittura

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: