Seguici su:

Focus

Letto 942 Volte
Condividi

Otto per mille e religioni: tra Cattolici, Buddisti ed Induisti

Nell’allegra e poco edificante esibizione offerta nella puntata di “Servizio pubblico” andata in onda lo scorso 10 gennaio, l’onorevole Silvio Berlusconi ha illustrato agli astanti i tempi lunghi della politica. In particolare, ha chiarito che l’approvazione di un disegno di legge richiede in media 450-600 giorni di discussione parlamentare.
Un’inezia, se confrontati agli oltre cinque anni trascorsi tra l’intesa stipulata dal governo italiano con l’Unione buddista italiana e l’Unione induista italiana e l’approvazione della legge che riconosce a tali confessioni il diritto di beneficiare dell’otto per mille.
Infatti, l’accordo era stato firmato il 4 aprile 2007, ma i relativi disegni di legge hanno richiesto un confronto nelle due Camere  dai –è proprio il caso di dirlo-  tempi biblici.
Lo scorso 11 dicembre 2012 da Montecitorio è stata sprigionata la tanto attesa fumata bianca. Buddisti e induisti potranno godere dell’otto per mille del gettito IRPEF che annualmente i contribuenti devolvono ad enti o culti religiosi.
Rimandata alla prossima legislatura, invece, la possibilità di includere tra i beneficiari anche la Congregazione cristiana dei testimoni di Geova, la cui candidatura è stata bloccata alla Camera a causa delle perplessità nutrite da numerosi deputati.

Pubblicità

La torta dell’ 8 x mille alle confessioni religiose:

Il riconoscimento ottenuto dalle confessioni buddista ed induista segue quello conseguito lo scorso 18 luglio dalla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (noti come mormoni, gli unici a chiedere di non usufruire della donazione), la Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia – Esarcato Europa meridionale e la Chiesa Apostolica in Italia.
In tal modo l’ambita torta vede moltiplicare le fette a disposizione, data la presenza dei beneficiari storici: Chiesa Cattolica, Tavola Valdese, Unione Italiana delle Chiese Avventiste del 7° giorno, Assemblee di Dio in Italia, Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e Chiesa Evangelica Luterana in Italia.
A mancare è la classica ciliegina sulla torta, ossia una delle tre grandi religioni monoteiste: l’Islam. Ma in questo caso, secondo il vicepresidente della Camera Maurizio Lupi, laureato presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e membro di Comunione e Liberazione, “c’è la questione oggettivamente delicata che riguarda la regolamentazione delle attività intorno alle moschee, non sempre di culto, talvolta contaminate dall’estremismo terroristico”. Non vorremo mica allevare i kamikaze del futuro in casa?

Le confessioni religiose in Italia:

Prevenzione di attentati a parte, spesso le questioni religiose vanno di pari passo con quelle economiche (e viceversa), in netta antitesi con qualsiasi affermazione proverbiale. Prima tra tutte quella che tende a respingere la commistione tra sacro e profano. E gli intrecci tra fede e denaro sono ancor più evidenti se riferiti all’Italia, che troppo spesso si comporta da enclave dello Stato del Vaticano; mentre, in via teorica, dovrebbe essere lo Stato monarchico governato dal Papa a rappresentare l’enclave di quello italiano.
Punti di vista. E poco importa se il Bel Paese è uno Stato laico, nel quale non è riconosciuta alcuna religione ufficiale. Nella Costituzione della Repubblica Italiana, in due articoli, si riconoscono i “diritti inviolabili” (Art.2) e la “pari dignità dei singoli cittadini e delle formazioni sociali” (Art. 3). Per l’appunto, dei singoli cittadini e delle formazioni sociali e non dei cristiani cattolici (non importa se praticanti o meno). I padri costituenti, dunque, hanno inteso tutelare il valore dell’uguaglianza a prescindere da tutto. Religione compresa.
Se il concetto non fosse abbastanza chiaro, viene ribadito in ulteriori due passaggi: all’interno dell’Art.21 (“tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”) e, soprattutto, nell’Art.8, secondo il quale “tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge.

Aumentano i non credenti:

Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze”.Tuttavia, per avere efficacia tali dichiarazioni necessitano di un adeguato sostegno materiale. E qui torna il vil denaro, croce e delizia dell’umana gente. Di quella che si riconosce nella croce, ma anche di quella che non santifica il proprio dio nel settimo giorno.
E siccome, è bene ribadirlo, in Italia vige il principio della laicità dello Stato, appare ingiustificabile ed ingiustificato il tentativo -perpetrato per decenni dai vari governi succedutisi- di stilare una classifica dei culti, nella quale quello cattolico è inevitabilmente in testa.
Ciò era inqualificabile in passato e lo è ancor di più oggi, poiché il processo di secolarizzazione in atto -e sempre più diffuso- ha definitivamente annichilito l’equazione Italia=Cattolicesimo. E’ vero, la maggior parte degli italiani professa la fede cattolica, per la precisione l’87,8%  nel 2006, e il 30,6% si reca(va) ogni domenica a messa.

La percentuale dei praticanti in Italia

La coniugazione al tempo passato è obbligatoria; infatti, secondo il rapporto Eurispes 2010, la percentuale dei praticanti è scesa al 24,4%. Più di 1,5 punti percentuali in meno all’anno. Se la tendenza fosse confermata anche nel 2013, le parrocchie dello Stivale sarebbero frequentate da meno di un cattolico su 5 di quell’87,8%. E’ pleonastico sottolinearlo, ma una netta minoranza.
Di converso, il popolo dei non credenti si attesta al 18,5% con un trend positivo. Oltretutto, l’esercito dei non cattolici è rimpolpato dai già citati seguaci di altre religioni e anche in questo caso le percentuali sono in continua crescita, poiché sostenute dal flusso degli immigrati. Gli stessi che vivono, lavorano e pagano le tasse in Italia e che hanno il diritto di non sentirsi continuamente ospiti in un Paese ostile. E’ la democrazia, bellezza.

Pubblicato in Focus

Scritto da

La Vera Cronaca

La Vera Cronaca, giornale online libero e indipendente

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: