Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 1068 Volte
Condividi

Prezzi dei farmaci, Oms approva la risoluzione italiana

Un documento che stabilisce come gli Stati membri si dovranno scambiare informazioni sul costo effettivo delle terapie. L’Assemblea mondiale della sanità ha adottato la risoluzione proposta dall’Italia insieme ad altri paesi in materia di miglioramento della trasparenza dei prezzi di medicinali, vaccini e altri prodotti sanitari nel tentativo di ampliarne l’accesso.
Un documento che nasce dopo un tira e molla che lo ha parzialmente depotenziato ma che ha comunque il merito di tracciare una prima rotta agli Stati membri per arrivare ad una maggiore trasparenza.

Pubblicità

Prezzi effettivi dei farmaci pagati dai governi

Secondo l’Oms, questa risoluzione esorta gli Stati membri a migliorare la condivisione pubblica delle informazioni sui prezzi effettivi pagati dai governi e da altri acquirenti per i prodotti sanitari e una maggiore trasparenza sui brevetti farmaceutici, i risultati delle sperimentazioni cliniche e altri determinanti del pricing lungo la catena del valore da laboratorio a paziente.
In sostanza si parla di aiutare gli Stati membri a prendere decisioni più consapevoli nell’acquisto di prodotti sanitari, negoziare prezzi più accessibili e infine ampliare l’accesso ai prodotti sanitari per le popolazioni. In che modo gli stati membri potranno ottenere questi risultati? Si parla di invito per gli Stati membri ad adottare misure appropriate per condividere pubblicamente le informazioni sui prezzi dei prodotti sanitari.

Ministro Grillo: “un giorno storico”

A ciò si aggiunge raccomandazione, sempre conformemente ai singoli quadri giuridici nazionali e regionali, ad adottare le misure necessarie, a seconda dei casi, per supportare la diffusione e il miglioramento disponibilità e accesso ai dati dei risultati aggregati ed ai costi delle sperimentazioni cliniche su soggetti umani indipendentemente dai risultati; a collaborare per migliorare la segnalazione delle informazioni da parte dei fornitori registrati prodotti per la salute, come rapporti sui ricavi di vendita, prezzi, unità vendute, costi di marketing e sussidi e incentivi;
Per il ministro della Salute Giulia Grillo si è trattato di un giorno storico perché “il mondo intero ha creduto alla nostra proposta di risoluzione che rappresenta una sfida per una maggiore equità nell’acceso alle cure e ora gli Stati si impegnano ad adottare i principi che abbiamo portato avanti perché non vi siano più barriere al diritto alla salute. Negoziare sulla base di informazioni più complete porterà a migliorare il dialogo con l’industria, ad avere un mercato più competitivo e innovativo e quindi a comprare più salute a parità di risorse.

Fonte: quotidianosanita.it

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Erik Lasiola

Giornalista di inchiesta, blogger e rivoluzionario

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: