Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 399 Volte
Condividi

Cannabis: Sardegna boccia progetto pilota su auto coltivazione

Una bocciatura che lascia un po’ di amaro in bocca; e questo al di là di come la si pensasse sul tema, ma più che altro perché per diversi mesi si era parlato, a livello nazionale, della Sardegna come prima regione italiana a poter mettere in atto un progetto simile.
Si trattava di sperimentazione della cannabis e dei suoi derivati tanto per scopo medico che ludico; argomento di fortissima attualità che il consiglio regionale sardo ha deciso di bocciare con una maggioranza di 23 a 19.
L’elemento di discrimine che ha contribuito in modo netto alla bocciatura è stata la presenza dell’uso ricreativo accanto a quello medico. Su questo aspetto buona parte dei consiglieri ha chiuso ogni possibilità di dialogo.
La proposta di legge, lo ricordiamo, riguardava la possibilità di dar vita in Sardegna, prima regione in Italia, ad un progetto sperimentale per coltivazione dei semi di canapa, ovviamente nei limiti stabiliti dalla normativa e sotto stretto controllo.

Pubblicità

Coltivare in autonomia la sostanza:

Si era parlato quindi di dare la possibilità a soggetti pubblici, ma anche privati controllati dallo Stato, di entrare nella produzione di cannabis andando a coltivare in prima persona la sostanza; che ovviamente non avrebbe potuto essere impiegata per finalità commerciali, quindi vendita. Ma soltanto pe uso personale tanto in campo curativo quanto ludico.
In effetti si sarebbe trattato di un progetto altamente rivoluzionario per l’attuale situazione italiana, che vede regolamentato solo l’uso terapeutico della sostanza e con fattori di criticità evidenti che variano da regione a regione.
Era il 2015 quando si parlò della prima volta di questo progetto: che dopo due anni viene definitivamente messo da parte con sommo rammarico per l’Italia intera, che guardava con interesse a questa eventualità; e per Sinistra per la Democrazia e il Progresso, ovvero il partito che aveva spinto la proposta di legge.
“Questo voto, purtroppo, fa registrare un arretramento della Sardegna rispetto alla necessità di una legislazione avanzata, moderna e aperta su questa materia” il primo commento del partito.

Finalità mediche e ludiche:

Dall’altra parte chi ha votato contro si è focalizzato soprattutto, come detto, sul fatto che la legge andasse a prevedere la possibilità di coltivare sostanza anche per uso personale. Non a caso era stato richiesto lo stralcio di questo aspetto dalla legge per votare in modo favorevole.
Si riparte da un nulla di fatto quindi, oltre che da una situazione piuttosto bloccata per quello che riguarda, ad esempio, l’uso terapeutico della cannabis: la Sardegna ha emanato una legge nel 2015 ma ancora oggi i costi per curarsi sono eccessivamente alti e i medici piuttosto diffidenti nel prescrivere questa tipologia di farmaci.
Risultato finale, ad oggi trovare farmaci a base di cannabis per curarsi sull’isola è piuttosto complicato. Anche per questo l’occasione del progetto sperimentale avrebbe potuto rappresentare un’opportunità in più, per il territorio e per tutti i pazienti che si curano con la cannabis. Oltre che per l’italia intera, visto che avrebbe potuto rappresentare un apripista a livello nazionale.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Marco Cherubini

Scrittore, giornalista, ricercatore di verità - "Certe verità sono più pronti a dirle i matti che i savi..."

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: