Seguici su:

Sociale

Letto 377 Volte
Condividi

Il collega è in difficoltà? Ecco le ferie solidali

Tra gli emendamenti approvati dalla commissione del Lavoro del Senato che vanno a rimpolpare il Jobs Act ve ne è uno in particolare che ha suscitato curiosità e interesse: si tratta dell’introduzione delle cosiddette ferie solidali, vale a dire della possibilità di cedere una parte delle proprie ferie ad un collega (o anche a più di uno) che si trovi in difficoltà per la presenza di un figlio minore malato.
L’emendamento in questione porta la firma della Lega ed è stato votato all’unanimità. D’altra parte si tratta di un provvedimento teso a fornire supporto a lavoratori che si trovino in situazioni critiche e quindi di forte impatto sociale; oltre che mediatico.
Il testo completo dell’emendamento sulle ferie solidali afferma che si va a prevedere “il riconoscimento, compatibilmente con il diritto ai riposi settimanali e alle ferie annuali retribuite, della possibilità di cessione fra lavoratori dipendenti dello stesso datore di lavoro di tutti o parte dei giorni di riposo aggiuntivi spettanti in base al contratto collettivo nazionale in favore del lavoratore genitore di figlio minore con necessità di presenza fisica e cure costanti per le particolari condizioni di salute“.
Una notizia positiva per tutti quei genitori lavoratori che hanno a casa un figlio affetto da una grave malattia.

Pubblicità

La legge Mathys in Francia:

Una norma che prende spunto dalla Francia, dove è presente una legge che regolamenta la materia; si tratta della cosiddetta legge Mathys, dal nome di un ragazzino di 10 anni morto nel 2009 e la cui storia commosse il mondo intero.
Mathys era affetto da un tumore al fegato, il padre del ragazzo lavorava nello stabilimento Badoit di Saint-Galmier; quando i colleghi appresero della gravità della situazione del ragazzo e capirono che non avrebbe vissuto ancora a lungo decisero di fare un regalo simbolico al padre di Mathys. Il quale aveva espresso un desiderio: “Vorrei solo avere altro tempo da passare con il mio bambino”.
Ecco quindi che fu organizzata una colletta non per raccogliere soldi, ma per regalare al padre di Mathys i giorni di ferie arretrati che appartenevano ai colleghi. Furono in tutto 170 i giorni donati al papà di Mathys da parte dei suoi compagni di lavoro.
Dopo la morte del ragazzo, avvenuta nel 2009, l’ Assemblea nazionale, ovvero un ramo del parlamento francese, emanò nel 2012 una legge che andava a prevedere la possibilità per un lavoratore di “rinunciare anonimamente e senza contropartita a tutti o a una parte dei giorni di riposo arretrati” per regalarli ad un collega il cui figlio di età inferiore ai 20 anni fosse gravemente malato, portatore di handicap o vittima di un incidente particolarmente grave.

Meccanismo delle ferie solidali in Italia:

La legge italiana in materia di ferie solidali prende quindi spunto dalla legge Mathys e si muoverà sulla sua falsa riga. Un provvedimento che potrebbe avere un impatto sociale piuttosto consistente e che va ad aiutare tutti quei genitori che a fatica si dividono tra il proprio lavoro e la cura di un figlio con problemi di salute; ecco quindi le ferie solidali.
Solo nei casi di presenza di malattia da parte di un figlio del lavoratore, un collega del lavoratore stesso può regalare le proprie ferie al compagno di lavoro per consentirgli di stare a casa. I lavoratori potranno cedere al collega solo i giorni di riposo in eccesso rispetto al tetto minimo fissato dalla legge ed esclusivamente in presenza di un figlio minore con necessità di presenza fisica e cure costanti per le particolari condizioni di salute.
Un meccanismo di supporto che metterà in evidenza, di questo ne siamo convinti, le grandi doti di solidarietà che da sempre caratterizzano gli italiani.

Pubblicato in Sociale

Scritto da

Gianpaolo Battaglia

Blogger, esperto di web e web marketing

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: