Seguici su:

Focus

Letto 1417 Volte
Condividi

Veganesimo: una moda che continua a crescere

Una cosa è certa: il numero di vegani in Italia sta aumentando vertiginosamente; all’incirca 5 milioni di persone nel nostro paese seguono questa tendenza.
Che si tratti di una filosofia di vita o, molto più semplicemente, di una moda, tale abitudine alimentare sta influenzando notevolmente il mercato. La richiesta di prodotti vegan, infatti, è aumentata notevolmente e, per questa ragione, sono stati aperti moltissimi negozi dedicati esclusivamente ai vegani.
Dalle Farmacie veg, alla pasticcerie, gelaterie, macellerie: sono queste solo alcune delle attività che hanno deciso di differenziare la propria offerta e di spalancare le porte al veganesimo. Sono poi molti i festival e gli eventi organizzati esclusivamente con prodotti vegani.

Pubblicità

Chi sono i vegani:

Insomma, il veganesimo è un settore in netta espansione con il quale è necessario fare i conti per comprenderne a fondo le dinamiche future. Per prima cosa, però, è quanto mai importante fare chiarezza in merito al significato di veganesimo.
Chi sono i vegani e quali sono le loro abitudini alimentari? I vegani non mangiano tutto ciò che contiene ingredienti cosiddetti di origine animale. Attenzione, dunque, a non confondere i vegetariani con i vegani. I primi, infatti, non mangiano la carne animale ma i prodotti con ingredienti di origine animale quale, ad esempio, il latte, sono ammessi nel loro regime alimentare.
I vegani, al contrario, non mangiano neanche uova e alimenti a base di latte. Insomma, il ventaglio delle alternative alimentari a disposizione dei vegani si riduce drasticamente anche se la scienza ha fatto passi da gigante.

Quali prodotti mangiano i vegani:

A venire incontro alle esigenze dei vegani c’è, tra le altre cose, la soia. Latte di soia, hamburger di soia, gelato di soia: quanti di voi hanno avuto a che fare con uno di questi prodotti?
Grazie alla soia, è possibile non rinunciare al gusto senza, però, dover ingerire ingredienti di origine animale. In buona sostanza, essere vegani non è affatto un sacrificio.
L’unico neo è rappresentato dal fatto che i prodotti vegan sono più costosi di quelli tradizionali. Una busta di latte di soia, infatti, costa di più di una busta di latte di mucca. In ogni caso, i vegani sembrano non curarsi molto del proprio portafoglio. La loro è una scelta soprattutto morale e quindi non certo dettata da ragioni economiche.

Aprire punti vendita di prodotti per vegani:

Ma come aprire un punto vendita di prodotti esclusivamente vegani? A tale riguardo, è quanto mai necessario fare presente che per aprire un punto vendita vegan servono, in linea di massima, le medesime autorizzazioni necessarie per ogni altro esercizio commerciale.
Nel caso in cui si abbia intenzione di aprire una farmacia vegana, dove vendere farmaci e integratori “eticamente corretti“ e quindi animal free, è opportuno seguire corsi specifici grazie ai quali conoscere nel dettaglio i vari prodotti vegani e poter soddisfare nel migliore dei modi il cliente.

I rischi di una alimentazione vegana:

Ma non sono tutte rosa e fiori. Quando si parla di veg e veganeismo ci sono anche rischi da tenere in conto; come ad esempio nel caso dei bambini. Abbiamo parlato dei rischi di una dieta veg per i bambini. Questo sorpattutto a seguito di alcuni fatti di cronaca che hanno visto proprio bambini in età pediatrica essere ricoverati per varie ragioni dopo aver seguito una dieta vegana ovviamente imposta dai genitori.
Così come parlando di prodotti cosmetici e di bellezza veg ed eco-bio avevamo evidenziato come fossero tanto i rischi di provocare danni alla propria salute. Non tutte le certificazioni sono adeguate e non tutti i prodotti bio sono poi così salutari.

Un settore destinato a crescere:

Insomma, quando si ha a che fare con il mondo dei vegani, l’importante è essere preparati. Stando alle statistiche, pare che il numero dei vegani sia destinato a crescere e, con esso, si rafforzerà anche il relativo mercato.
Per tale ragione, già in molti si stanno muovendo per aprire punti vendita in cui è possibile acquistare prodotti vegani attualmente molto difficili da trovare nei negozi tradizionali.
Senza alcun dubbio, abbiamo a che fare con una vera e propria rivoluzione in atto che potrebbe cambiare in maniera radicale le abitudini alimentare di tutti. Non resta che attendere

Pubblicato in Focus

Scritto da

Matteo Vespasiani

Giornalista scomodo - "L'unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede..."

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: