Seguici su:

Focus

Letto 353 Volte
Condividi

Pragmatismo, definizione e significati nella storia

Nel linguaggio comune odierno viene utilizzato come un qualcosa di positivo: quando qualcuno è indicato come pragmatico solitamente lo si fa per evidenziarne una qualità. Una persona pragmatica infatti è per natura estremamente concreta, bada ai fatti e non alle parole; in sostanza si potrebbe dire, utilizzando un sinonimo di pragmatismo, che si tende a far prevalere gli aspetti realistici rispetto a quelli idealistici.
Come ogni parola anche pragmatismo può avere varie declinazioni non necessariamente positive: una persona eccessivamente pragmatica può diventare finanche calcolatore, cinico, materiale, badare troppo agli aspetto pratici dell’esistenza. Alla base del concetto di pragmatico vi è tuttavia un movimento filosofico con determinate caratteristiche.

Significato di pragmatismo

Il pragmatismo è un movimento filosofico che include coloro che sostengono che un’ideologia o una proposizione sono vere se funzionano in modo soddisfacente; in sostanza affermano che il significato di una proposizione si trova nelle conseguenze pratiche di accettarla e che le idee non pratiche devono essere respinte.
Una corrente filosofica piuttosto recente che si è andata ad affermare negli Usa a partire dal XIX secolo per arrivare poi in Europa. Il termine pragmatismo fu usato per la prima volta, circa un secolo fa, nella stampa per indicare una visione filosofica: fu William James a fare ricorso alla parola visione filosofica circa un secolo fa quando William James (1842-1910) mise in servizio la parola durante un discorso del 1898 intitolato “Concezioni filosofiche e risultati pratici”.
Tuttavia il termine era stato coniato quasi tre decenni prima dal suo connazionale C. S. Peirce basandosi su quanto aveva affermato Kant in materia di ragion pratica e ragion pragmatica, dove la prima era fondamento razionale della legge morale e la seconda una razionalità diretta al conseguimento di un fine concreto. Esattamente quello che oggi intendiamo quando definiamo qualcuno pragmatico.

Chi è pragmatico?

In sostanza pragmatico è colui che si approccia alle cose concentrandosi sulla risposta pratica o logica, sul raggiungimento di un obiettivo. Un pragmatico può anche ignorare i propri ideali per portare a termine il lavoro, quindi in questo modo la parola può avere un significato leggermente negativo con una accezione più negativa.
Non a caso il pragmatismo sarà il pensiero predominante negli Stati Uniti nel primo quarto del 20° secolo basato sul principio che l’utilità la lavorabilità e la praticità di idee sono i criteri di merito. Il tutto mettendo in risalto una priorità dell’azione sulla dottrina, dell’esperienza sui principi fissi e affermando che le idee sono essenzialmente strumenti e piani d’azione.
Ecco perché il contrario di pragmatismo è idealismo, quindi le idee al centro di tutto, mentre tra i sinonimi di pragmatico vi è concreto, pratico. Negli Stati Uniti come detto, paese dove da sempre vige la dottrina del business, il pragmatismo diverrà una vera e propria scuola di pensiero con il raggiungimento dei risultati posto sempre al centro di ogni azione.

Persone pragmatiche

Ed in alcuni casi l’aggettivo pragmatico implica anche una sorta di giustificazione, in quanto in politica così come in economia si viene giustificati se si arriva poi al risultato. Il carattere degli affari e della politica americana è spesso così descritto. La parola pragmatismo d’altra parte deriva dal termine greco ‘pragma’ che significa proprio ‘azione’ o ‘affare’.
Nelle persone pragmatiche la capacità di teorizzare è vista come parte integrante dell’azione intelligente (pratica), non come una sfera separata dell’attività intellettuale. Teorie e distinzioni sono strumenti che aiutano un organismo a comprendere il suo ambiente. Sono astratti dall’esperienza diretta e alla fine devono spiegare e dare significato ai fenomeni che li hanno originati.

Pubblicato in Focus

Scritto da

Pierfrancesco Palattella

Giornalista indipendente, web writer, fondatore e direttore del giornale online La Vera Cronaca e del progetto Professione Scrittura

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: