Seguici su:

Focus

Letto 485 Volte
Condividi

Caritas Milano: nasce la prima casa per uomini separati

La zona è Città Studi, la via è via Jommelli, al civico 10; l’ubicazione è un edificio basso in mattoni rossi, messo a disposizione dalla parrocchia San Luca. Un quartiere tranquillo, popolato da studenti e da famiglie, ad un passo dalla clinica Santa Rita, che sembra suggerire tutta la fragilità dell’argomento; è qui infatti che lo scorso 16 Dicembre la Caritas Ambrosiana ha deciso di aprire la prima casa per uomini separati.
Per quanto possa sembrare un tema marginale nella tristemente grande costellazione dei drammi dei senzatetto, quello degli uomini separati in Italia è un grave problema; questi rappresentano, infatti, il 10% degli abituali frequentatori dei dormitori pubblici e secondo alcune stime, nel milanese sarebbero circa 50 mila i padri separati che hanno difficoltà a sostenere i costi di un alloggio.
E’ una dolorosa realtà quella dei padri ridotti alla strada da un matrimonio fallito; basta una cattiva rottura ed un lavoro instabile ad aggiungere il peso dell’alloggio sulle spalle già vessate di un uomo che si vede costretto a separarsi dalla sua famiglia.

Pubblicità

Caritas Milano: 200 euro al mese per un alloggio

L’iniziativa della Caritas, malgrado il dovuto dribbling ai nuovi tagli governativi in fatto di Servizi Sociali, ha già preso il via con discreto successo. L’appartamento, al primo piano, offre uno spazio in circa 110mq per cinque persone, selezionate tramite colloqui e test per verificarne l’idoneità degli uomini provenienti da Milano o provincia che in seguito ad un divorzio o una separazione si trovano in una fase di momentanea difficoltà abitativa; agli ospiti della casa è richiesto un contributo di 200 euro mensili per un massimo di 6 mesi di soggiorno.
Lo spazio, ristrutturato grazie alla somma di 50 mila euro donati da Ubi Banca, è suddiviso in due comode stanze da letto, una zona operativa, e ampissimi locali cucina e salotto. Di grande importanza la presenza di questi ultimi, dedicati al tempo che i padri separati possono spendere con i propri figli.

Sostegno psicologico ai padri separati:

Non si limita però alla praticità il dramma cui la Caritas Ambrosiana vuole porre rimedio. Non va dimenticato infatti, il lato emotivo; la dolorosa separazione può provocare spesso disturbi permanenti, per questo occorre un supporto costante in un momento tanto delicato.
Aus, Assistenza Uomini Separati, così è stato chiamato il progetto, dedica la sua attenzione anche a questo aspetto, mettendo a disposizione proprio nella casa di via Jommelli, due educatori. Si tratterà per loro di sostenere ed assistere gli ospiti, aiutarli a cercare una sistemazione stabile, e coadiuvarli nell’ emergere da una complicata e spiacevolissima condizione emotiva.
Quella di una casa per uomini separati è un’iniziativa senz’altro degna di lode, come spesso capita quando si parla di Caritas, che apre la pista per altri progetti analoghi in un campo tanto specifico e così poco approfondito.

Pubblicato in Focus

Scritto da

La Vera Cronaca

La Vera Cronaca, giornale online libero e indipendente

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: