Seguici su:

Sociale

Letto 568 Volte
Condividi

Bologna: inserimento disabili nel mondo del lavoro

Il Gruppo Hera è una delle principali società di servizi in Italia, al pari di Consorzio Remedia che è invece uno dei più importanti Sistemi Collettivi attivo nella gestione ecosostenibile dei RAEE, i Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. Queste due aziende, insieme all’ Opera dell’Immacolata Onlus (Opimm), hanno lanciato in questi giorni a Bologna un progetto chiamato “RAEEbilitando”, il cui scopo principale è quello di promuovere, organizzare e coordinare la formazione di persone svantaggiate, affette cioè da minorazioni psichiche e/o fisiche, in vista di un loro inserimento socio-lavorativo.
Si tratta di un’iniziativa molta significativa, poiché per le persone disabili l’attività lavorativa ricopre un ruolo educativo e terapeutico fondamentale.

Pubblicità

 

Trattamento di rifiuti elettronici non pericolosi:

Il progetto concorre a tale formazione e inserimento socio-lavorativo dei disabili attraverso la creazione di un laboratorio che si occuperà del trattamento dei rifiuti elettronici non pericolosi, vale a dire destinato appositamente all’attività di “disassemblaggio” di Raee provenienti dalla raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani (come piccoli elettrodomestici, utensili, giocattoli, telefoni fissi o cellulari).
Si tratta di rifiuti che provengono dalle isole ecologiche e dai centri di raccolta della Provincia di Bologna gestiti da Hera e il cui coordinamento e ritiro fino al centro di raccolta dell’Opimm sono svolti dal Consorzio Remedia.
Nel pieno rispetto dei principi fondamentali sulla limitazione della circolazione dei rifiuti (come prevede la normativa ambientale relativa all’autorizzazione e al trattamento dei Raee), il laboratorio tratterà inizialmente circa 32 tonnellate di rifiuti elettronici per poi raggiungere le 100 annue, recuperando e reimpiegnado in tutto circa l’85% dei componenti trattati (compresi materiali e sostanze presenti nei Raee quali metalli, plastiche, vetro, carta o cartone).
L’intero ciclo lavorativo, che coinvolgerà all’interno del laboratorio dalle 6 alle 8 persone diversamente abili, verrà eseguito sotto la supervisione di un educatore esperto, soprattutto nelle operazioni di smontaggio manuale dei Raee destinate al recupero di materiale.
“Siamo entusiasti di essere parte del progetto RAEEbilitando, un’iniziativa in grado di unire due responsabilità sociali così importanti come la riduzione dell’impatto ambientale da parte dell’uomo e l’inserimento nel contesto socio-economico delle persone svantaggiate ma dotate di grandi motivazioni nel contribuire a risultati importanti”, ha dichiarato Danilo Bonato, Direttore Generale del Consorzio Remedia.

 

Coinvolgimento di persone svantaggiate:

E’ in effetti raro trovare aziende sul territorio che promuovono il coinvolgimento attivo e l’alleanza con il sistema no-profit in vista di una valorizzazione dell’impegno sociale e ambientale, riuscendo a far convivere in un raro connubio economia e solidarietà a vantaggio non solo dei soggetti coinvolti, ma anche della difesa dell’ambiente e della crescita sostenibile.
Maria Grazia Volta, Direttore Generale di Opera Immacolata Onlus, ha commentato infatti il progetto sottolineandone la singolarità : “appaiono significativi i vantaggi di un’operazione di questa portata per la novità di una prospettiva che propone la collaborazione nel sociale tra settori pubblici e privati dell’economia, specie in tempi di ristrettezze finanziarie”.

Pubblicato in Sociale

Scritto da

Martina Lacerenza

Nata a Roma nel 1984. Laureata in Lettere. Blogger e collaboratrice giornalistica

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: