Seguici su:

Sociale

Letto 239 Volte
Condividi

Alunni disabili e sostegno a scuola: la situazione in Italia

È una delle criticità maggiori per quanto riguarda il mondo della scuola, con particolare riferimento per gli alunni con disabilità: il tema del sostegno in aula, quindi degli insegnanti in grado di affiancare questi alunni con difficoltà, che non sempre riesce a trovare concreta attuazione. Una questione che in Italia si protrae da anni, ne avevamo già parlato nel 2012 con riferimento al problema ricorrente degli insegnanti di sostegno a scuola.
Anche oggi, a distanza di anni, la situazione non è rosea ed anzi gli alunni con disabilità hanno ancora difficoltà a poter contare su insegnanti di sostegno che siano formati e, soprattutto, non precari.

La situazione attuale degli insegnanti di sostegno

In occasione della Giornata internazionale della disabilità del 3 dicembre, il portale Skuola.net ha incrociato i dati ministeriali con alcune elaborazioni effettuate sul tema arrivando a fornire dati interessanti: secondo questi dati, il numero di alunni disabili presenti nelle classi italiane continua a crescere senza che vi sia, di pari passo, un’evoluzione del supporto da parte del corpo insegnante.
Il numero degli insegnanti di sostegno, secondo questa ricerca, sarebbe anche sufficiente, ma le problematiche sono da rintracciare in altri aspetti; come ad esempio il fatto che molto di loro risulterebbero essere di passaggio, quindi non di ruolo, e soprattutto non formati in modo adeguato.
L’incidenza degli studenti disabili è sempre più significativa: nell’anno scolastico 2023/24 sono poco più di 311.000, in aumento di oltre 21.000 unità rispetto all’anno precedente, di oltre 40.000 rispetto a un triennio fa, raggiungendo per la prima volta la soglia dei 300.000.

Incidenza di alunni disabili nelle scuole

Considerando che le “classi” censite nei vari istituti del nostro paese sono circa 364.000, è come se quasi in ognuna di esse ci fosse un alunno con bisogni specifici. In termini percentuali, questi rappresentano ormai oltre il 4% della popolazione scolastica. Tale trend, in controtendenza rispetto al calo generale degli studenti, è dovuto a diversi fattori, tra cui l’aumento della consapevolezza sociale nei confronti della disabilità, la maggiore sensibilità degli insegnanti e delle famiglie, e le nuove disposizioni normative che favoriscono l’inclusione scolastica.
In un solo anno, tra il 2022/23 e il 2023/24, le scuole italiane si sono impoverite di ben 91.000 tra bambini e ragazzi. Ciò si traduce in una proporzione di un alunno disabile ogni 23 iscritti (quattro anni fa erano uno ogni 28). A livello regionale, la Lombardia è la regione con il maggior numero di alunni disabili: oltre 55.000, pari a circa il 18% del totale. A seguire, praticamente appaiate, la Campania, il Lazio e la Sicilia, che hanno tutte tra i 31.000 e i 33.000 studenti con disabilità.

Il ruolo del Ministero

Sul sito del Ministero dell’Istruzione è presente una sezione apposita dedicata agli alunni con disabilità: si parla di integrazione scolastica come di un punto di forza della scuola italiana e di piena inclusione degli alunni con disabilità come “obiettivo che la scuola dell’autonomia persegue attraverso una intensa e articolata progettualità, valorizzando le professionalità interne e le risorse offerte dal territorio. Il MIUR mette in atto varie misure di accompagnamento per favorire l’integrazione: docenti di sostegno, finanziamento di progetti e attività per l’integrazione, iniziative di formazione del personale docente di sostegno e curriculare nonché del personale amministrativo, tecnico e ausiliare.”
Sempre all’interno della stessa pagina si parla di insegnanti di sostegno e del loro ruolo, affermando che il docente di sostegno è “un insegnante specializzato assegnato alla classe dell’alunno con disabilità per favorirne il processo di integrazione. Non è pertanto l’insegnante dell’alunno con disabilità, ma una risorsa professionale assegnata alla classe per rispondere alle maggiori necessità educative che la sua presenza comporta.” Un obiettivo che, secondo i dati forniti, non sembrerebbe essere pienamente raggiunto.

Pubblicato in Sociale

Scritto da

Giornalista indipendente, web writer, fondatore e direttore del giornale online La Vera Cronaca e del progetto Professione Scrittura

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: