Seguici su:

Focus

Letto 8974 Volte
Condividi

Codice della strada: regole dei Monopattini Elettrici

I monopattini elettrici assieme agli hoverboard sono la rivoluzione e la novità del momento. Il settore è in forte crescita anche perché si tratta di mezzi di locomozione del tutto ecologici visto che sono alimentati da batterie elettriche che permettono lunghe percorrenze.
I monopattini elettrici come ci spiega Luca di www.monopattinoelettrico.eu sono mezzi innovativi, sicuri e divertenti ma vanno usati con le opportune precauzioni. Infatti possono raggiungere fino i 20km orari e per tale motivo è consigliabile utilizzare un casco e le protezioni che possono evitarci danni in caso di caduta accidentale.
In Italia anche il codice della strada ha emesso norme per questi dispositivi sempre più diffusi nel nostro paese. Vediamo quali sono le regole per circolare in strada con un monopattino elettrico.

Pubblicità

Definizione di Monopattino Elettrico

In particolar modo il monopattino elettrico per il codice della strada è un “acceleratore di andatura” ma non trova una specifica collocazione all’interno dell’ordinamento giuridico vigente ed in definitiva può essere usato solo in aree specifiche. Inoltre se il monopattino può superare la velocità di 6 km/h deve essere a norma, omologato e rispettare la normativa vigente e viene classificato come ciclomotore.
Ma non è finita qui il monopattino elettrico quindi può circolare come abbiamo visto solo in determinate aree come le piste ciclabili e nelle aree private e adibite. Insomma se ci troviamo su una statale o al di fuori di una pista ciclabile non abbiamo il casco e il nostro mezzo non è omologato e supera i 6km orari di velocità possiamo rischiare una sanzione, fatta salva la possibilità successiva di contestare la multa. Quindi ora che abbiamo appreso le novità del codice della strada potremmo sfruttare e utilizzare i monopattini elettrici in modo più responsabile e sicuro.

Monopattini elettrici ed Hoverboard

L’hoverboard è una tavola a due ruote autobilanciata, una sorta di skateboard molto più innovativo con motori elettrici e sensori che rilevano velocità e angolo di inclinazione. Si parla anche di scooter autobilanciati senza manubrio, diventati famosi anche per notizie di cronaca riferite ad esplosioni delle batterie agli ioni di litio.Hoverboard
L’hoverboard, come si può vedere nell’immagine di di fianco, è un veicolo ricreazionale portatile simile a uno skateboard  con due grandi ruote separate da una tavola lunga: alimentato da batteria ed elettricità, consente ai ciclisti di muoversi attraverso il terreno senza pedalare o spingersi con i piedi.
In origine il termine hoverboard si riferiva a un dispositivo levitante reso popolare dalla cultura cinematografica degli anni ’80, come nel caso del movie Ritorno al Futuro.Due pedane senza manubrio, ecco la grande differenza tra hoverboard e monopattini elettrici.

Negli Usa sono un mezzo di locomozione

Non molti sanno che negli Usa dal 1 gennaio 2016 l’hoverboard ed i monopattini elettrici diventeranno un mezzo locomozione a tutti gli effetti con tanto di limiti e sanzioni per chi ne viola le disposizioni. Infatti il governatore Jerry Brown a dicembre 2015 ha approvato la legge statale l’Assembly Bill 604. Tra le varie norme annoveriamo:

  • Uso obbligatorio del casco;
  • Non si potrà utilizzare in luoghi pubblici se non dopo i 16 anni;
  • Potrà circolare solo nelle strade con limite di velocità di 35 milia;
  • Potrà circolare sulle piste ciclabili Tutti i cittadini che non rispettano queste norme potranno avere una multa fino a 250 dollari.

Una bella novità che si aggiunge alle nuove certificazioni che devono avere gli hoverboard ed i monopattini elettrici per essere approvati al commercio. Sarà interessante scoprire se le norme saranno estese agli altri stati statunitensi e come saranno adattate alla legislatura italiana.

 

*In data Maggio 2019 il ministro dei Trasporti Toninelli ha emanato un decreto sulla micromobilità che cambia le regole di funzionamento di monopattini elettrici ed hoverboard. Il testo lo si trova nel sito del ministero dei Trasporti al seguente link.

Pubblicato in Focus

Scritto da

Matteo Vespasiani

Giornalista scomodo - "L'unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede..."

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: