Seguici su:

Sociale

Letto 1103 Volte
Condividi

Superticket: cos’è e come funziona in Italia

Se ne sta parlando molto in queste ore in quanto si sta valutando una sua potenziale rivisitazione se non abolizione. Il super ticket sanitario fu introdotto nel 2007 dall’allora Governo Prodi ma divenne effettivo a partire dal 2011, con Berlusconi al potere.
Come per tutte le cose che riguardano la sanità, spetta ad ogni regione stabilire se e come applicarlo. Da definizione il superticket è un balzello che va a prevedere il pagamento di ulteriori 10 euro di ticket su prestazioni di diagnostica e specialistica.
Fin dalla sua approvazione ha ovviamente scatenato enormi polemiche al punto che alcune regioni decisero di andarlo a modulare in base al reddito del cittadino richiedente il servizio. Altre realtà, ad esempio la Valle d’Aosta, hanno addirittura deciso di non applicarlo.

Pubblicità

Un meccanismo da rivedere

Il Superticket è un prelievo che viene applicato dalle regioni in modo non omogeneo. Un meccanismo che deve essere gradualmente rivisto. Questa la conclusione alla quale si è arrivati in fase di nota di aggiornamento al Def, il documento di economia e finanza approvato dal Senato.
Quindi i 10 euro extra del superticket che i cittadini pagano per ogni ricetta relativa a prestazioni di diagnostica e specialistica deve essere rimodulato. Anche se c’è da capire come e, soprattutto, in che modo ‘coprire’ gli incassi mancanti; si parla di quasi 1 miliardo necessario se si decidesse di eliminarlo. E vista la condizione della sanità in Italia il discorso non sembra essere praticabile. Più probabile una sua graduale limitazione.

Dove è in vigore il superticket sanitario?

Ad oggi il superticket sanitario è in vigore in Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lazio, Abruzzo, Molise, Puglia, Calabria e Sicilia. Emilia Romagna, Umbria, Toscana, Veneto, Marche hanno deciso di modularlo in base al reddito mentre in Lombardia, Piemonte e Campania dipende dal tipo di servizio richiesto.
Le regioni che non prevedono il pagamento di 10 euro per il superticket sanitario sono Valle d’Aosta, Province autonome del Trentino Alto Adige, Basilicata, Sardegna e da pochi mesi anche il Lazio.
Dal pagamento sono esenti bambini ed anziani con redditi familiari sotto i 36.150 euro annui; i cittadini disoccupati, i pensionati al minimo (compresi i loro familiari a carico) e i pensionati sociali; i malati cronici e i pazienti affetti da patologie rare; gli invalidi civili, di guerra, per lavoro e servizio.
Andare a rimodulare il superticket di 10 euro è più che altro una questione di risorse; da capire dove e se possano esser reperite.

Pubblicato in Sociale

Scritto da

Erik Lasiola

Giornalista di inchiesta, blogger e rivoluzionario

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: