Seguici su:

Sociale

Letto 344 Volte
Condividi

Gioco d’azzardo: la raccolta firme per una legge

Un’iniziativa messa in campo a livello nazionale da Legautonomie, associazione di comuni, province, regioni, comunità montane impegnata per la crescita democratica e civile del Paese, e Scuola delle buone pratiche di Terre di Mezzo; l’iniziativa, lanciata già da diversi mesi (9 ottobre 2013), è tesa ad arginare il dilagare del fenomeno del gioco d’azzardo attraverso una raccolta firme per una legge di iniziativa popolare.
La notizia di questi giorni è che l’obiettivo inizia ad essere vicino e concreto essendo state raccolte già circa 45mila firme; la soglia minima per presentare una legge di iniziativa popolare è di 50mila firme, quindi in sostanza mancano solo 5mila firmatari per poter procedere presentando il tutto presso la Corte di Cassazione. Questo è infatti l’iter che regola l’istituto della legge di iniziativa popolare in Italia.
La soglia fissata per la presentazione delle firme alla Corte di Cassazione è quella del 9 Aprile e per quella data il limite dovrebbe essere stato tranquillamente raggiunto se non superato. Al riguardo, per chi volesse firmare sottoscrivendo la richiesta di una legge di iniziativa popolare sul gioco d’azzardo, può farlo recandosi presso la sede del Comune di residenza.

Pubblicità

Punti della proposta di legge

Quella del gioco d’azzardo è una problematica estremamente sentita nel nostro paese; i numeri sono costantemente in crescita e con il gioco si rischia di rovinarsi la vita, come avevamo raccontato presentando la storia dell’ associazione Giocatori Anonimi.
Pochi mesi fa, a cavallo delle festività natalizie, era stato approvato il Piano strategico d’azione nazionale 2013-2015 utile per mettere in atto misure efficaci a contrastare il problema del gioco d’azzardo patologico.
Un primo passo se è vero che, come ci aveva confermato la dottoressa Daniela Capitanucci, presidente dell’Alea (associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio) e consigliere dell’And (azzardo e nuove dipendenze), nella cura della dipendenza del gioco d’azzardo lo Stato è ancora pressoché assente.

Un disegno di legge con 22 articoli

Tornando alla notizia della raccolta firme per una legge di iniziativa popolare indetta da Legautonomie e Scuola delle buone pratiche di Terre di Mezzo, si tratta di un disegno di legge formato da 22 articoli in tutto che focalizza la propria attenzione su alcuni punti fondamentali quali:

  • Il divieto di collocare slot machine un po’ ovunque senza seguire determinate regole (se ne parla da tempo) creando aree apposite dove dedicarsi al gioco.
  • Utilizzo della tessera sanitaria, un po’ come accade per le sigarette, per chi vuole giocare: in questo modo si è ‘monitorati’ costantemente.
  • Possibilità di accesso nei locali per gli operatori delle Asl o associazioni di volontariato attive nella lotta la gioco d’azzardo; il tutto per parlare (o almeno tentare di farlo) con i giocatori ed informarli sui rischi della dipendenza da gioco d’azzardo.
  • Misure di contrasto del gioco d’azzardo dei minori, altra problematica molto sentita.
  • Istituzione di fondi ad hoc per prevenzione e cura del fenomeno gioco d’azzardo.

Queste alcune misure contenute nella legge di iniziativa popolare contro il gioco d’azzardo; da segnalare che, oltre a singoli cittadini, hanno aderito oltre 500 Comuni di tutta Italia. La speranza è che ci sia un’ampia concertazione e si riesca effettivamente ad arrivare a qualcosa di concreto; non come nel caso, ad esempio, della Legge No-slot a Pavia, presentata in passato come esempio da seguire a livello nazionale ma che poi, nei fatti, non ha funzionato come si sperava.

Pubblicato in Sociale

Scritto da

Erik Lasiola

Giornalista di inchiesta, blogger e rivoluzionario

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: