Seguici su:

Politica

Letto 592 Volte
Condividi

Arriva Draghi e i partiti fanno le giravolte per non perdere il posto

Una volta quando si voleva irridere e sbeffeggiare il mondo della politica e dei partiti si diceva “tanto sono tutti uguali”. Questa quattro paroline messe in fila facevano saltare la mosca al naso a tutti. Sia che fossero apparatinichi, segretari di partito, politici ormai arrivati con tanto di poltrona vinavilata alle terga, Parlamento o Senato che fosse, e poi anche a tutti i militanti e ai discettatori di politica da bar o da barbiere.
Subito a tale vergognosa offesa scattava a mo’ di difesa la controaccusa: “qualunquisti!” Un caro simpatico omaggio a Guglielmo Giannini che nel 1944 fondò in quel di Roma Il Fronte dell’Uomo Qualunque che fu prima giornale e poi partito e portò sui sacri scranni per qualche tempo un po’ di uomini qualunque. Sai che novità. Il vecchio movimento ha fatto strada carsica fino ad arrivare ai giorni nostri con i “la qualunque” che si vedono tutti i giorni. Se non è zuppa è pan bagnato.

I partiti sono tutti uguali?

Comunque c’era un tempo in cui, ogni partito, ogni politico all’accusa di essere “tutti uguali” si lanciava nell’elencazione delle differenze dagli altri. Elencazione che conteneva numerosissime diversità, di tutti i tipi, da quelle filosofiche, la moralità borghese, a quelle più trucemente mercimoniose, le mani pulite. In riferimento agli altri naturalmente. Ma, si sa, i tempi cambiano. Eccome se cambiano.
Basta che appaia all’orizzonte un signore che senza neanche l’imposizione delle mani guarisce gli infermi (ha guarito Berlusconi), moltiplica i pani e i pesci (vedi l’andamento della borsa italica) e, neanche a dirlo, rimette i debiti (riduzione dello spread in due giorni) ed eccolo che, pur in pieno giorno, fa diventare bigi tutti i gatti. Cioè i partiti che d’improvviso annullano le differenze sui temi scottanti e diventano tutti uguali.

Mario Draghi, l’uomo che mette tutti d’accordo

Tutti d’accordo sull’Europa? E sull’immigrazione? E sulle infrastrutture? E sulla giustizia? E sul lavoro nero? E sulle tasse progressive, come da Costituzione? E sui licenziamenti? E … E … Al dunque: tutti dentro per il governo dei migliori, migliori vi rendete conto? E lì tutti a sgomitare per essere più bigi dei bigi.
Le giravolte sono così tante che al confronto le trottole a molla della nostra infanzia sembrano esempi di tetragona stabilità. Gli opposti si abbracciano e si complimentano vicendevolmente pur di mettere le mani sul malloppo. Perché c’è anche questo: il malloppo.
Spettacolo esilarante che dà ragione quant’altri mai all’antica vulgata: sono tutti uguali. Con la quasi eccezione di Fratelli d’Italia, partito che mantiene il suo posizionamento lasciandosi tuttavia accostata la porta per una futura entrata. In fondo anche loro sono italici.

Pubblicato in Politica

Scritto da

Castruccio Castracani

Blogger satirico, polemico, dadaista, ghibellino, laico, uomo d'arme e di lettere - Il Vicario Imperiale

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: