Seguici su:

Focus

Letto 757 Volte
Condividi

Acquisti online e pagamenti: come evitare rischi truffe

Crescono in modo esponenziale i dati relativi agli acquisti online degli italiani; tanto di beni materiali quanto di servizi. Una tendenza irreversibile e in linea con il resto dei paesi occidentali seppur, rispetto a questi, in percentuale minore.
L’Italia in materia di internet e multimediale viaggia a ritmi ridotti, ma ciò che conta è che si registra comunque una crescita. Il motivo per il quale nel nostro paese l’uso del web, soprattutto per acquisti, sia stato negli anni passati un po’ snobbato, è legato a doppio filo alla questione sicurezza.
Solo adesso gli utenti iniziano a fidarsi di fare acquisti in rete; il che ovviamente non vuol dire che ora tutti i siti di e-commerce siano sicuri. Ma si parla più che altro di una abitudine, quella di acquistare online, che è stata sdoganata anche in virtù della grande crescita degli e-commerce.
Che oggi sono tanti e di ogni genere; e la maggior parte dei quali, affidabili e sicuri.

Pubblicità

Distinguere tra e-commerce sicuri e rischiosi:

Tuttavia la rete è un mare sconfinato nel quale trova spazio ogni genere di situazione. Per questo può capitare di imbattersi anche in siti poco affidabili, soprattutto se si parla di portali per acquisti.
Ovviamente parlare di pericoli per acquisti fatti in rete fa rima con ‘pagamenti’. Perché i rischi veri sono legati a questo. Il pericolo di truffe quando si devono mettere i propri estremi per inviare un pagamento è sempre in agguato.
Ed è proprio da qui che si deve partire per distinguere un sito di vendita online affidabile: dalle modalità di pagamento offerte all’utente. Le strade per pagare acquisti fatti sul web sono sempre quelle: carte di credito, carte prepagate, bonifici online, contrassegno o metodi di pagamento elettronici alternativi. Vediamo i più sicuri.

Metodi di pagamento online più sicuri:

Lo scettro dei pagamenti online appartiene legittimamente a Paypal: tanto in termini di numero di transazioni portate a termine; quanto per il livello di sicurezza offerto.
Con questo metodo si va ad associare la propria carta di credito, anche prepagata, o il proprio bancomat ad un conto Paypal che farà da tramite tra il venditore e l’acquirente.
In sintesi, il passaggio di denaro avviene senza che nessuna delle due parti riceva informazioni sulle credenziali bancarie o di carta di credito dell’altra. Un conto Paypal si lega ad un indirizzo mail e, portato a termine questo passaggio, si può inviare e ricevere denaro con un semplice click.

Evitare di mettere i dati del nostro conto:

In sostanza è bene evitare sempre pagamenti online che partano direttamente dal proprio conto corrente o dalla propria carta di credito; una buona alternativa può essere quella di farsi dare dalla propria banca una carta ricaricabile, dove andare a inserire soldi solo quando si deve effettuare un pagamento sul web (anche una Postepay offre gli stessi servizi).
Le strade per pagare acquisti fatti sul web sono sempre le stesse, prendendo ad esempio un e-commerce affidabile come Grepair troviamo: carte di credito, carte prepagate, bonifici online, contrassegno o metodi di pagamento elettronici alternativi. Vediamo i più sicuri.

Nuovi circuiti di pagamento elettronici:

Ed è proprio con questi ultimi che vogliamo chiudere la carrellata dei metodi di pagamento online più sicuri. Detto di Paypal, che ormai gira sul web da diversi anni, ci sono altri circuiti più recenti ma assolutamente interessanti; come ad esempio Skrill.
Si parla di un portafoglio elettronico, nato nel 2010 con il nome di Moneybookers, che consente di eseguire pagamenti elettronici in oltre 200 paesi del mondo con un semplice click, inserendo username e password. Anche qui, come per Paypal, si deve associare il metodo di pagamento ad una carta o ad un conto corrente.

Pagamenti con Amazon:

Altro metodo del tutto sicuro per pagare in rete è disponibile per chi acquista online su quello che è, con ogni probabilità, il colosso dell’e-commerce: Amazon.
L’azienda di Seattle leader del commercio online ha lanciato un metodo di pagamento personalizzato, noto come Amazon Payments, che consente di inviare pagamenti per acquisti sul proprio sito o su portali ‘gemellati’ con Amazon.
Anche in questo caso, visto chi c’è dietro (Amazon, per l’appunto) l’utente può stare piuttosto tranquillo nell’inviare un pagamento elettronico.

Pubblicato in Focus

Scritto da

Erik Lasiola

Giornalista di inchiesta, blogger e rivoluzionario

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: