Seguici su:

Focus

Letto 147 Volte
Condividi

Come scegliere un asilo nido per il proprio bambino

L’offerta formativa scolastica si è molto arricchita negli ultimi anni. Oggi, scegliere il giusto asilo per i propri figli è un’ardua scelta che necessita la valutazione di molti elementi.  Ma quali sono gli aspetti più significativi per stabilire la qualità e la sicurezza di un asilo? Vediamo come muovesri in questa scelta delicata seguendo i consigli presenti sul portale Rainbowkids.it.

Open Day per conoscere la struttura

Indubbiamente prendere parte agli open day organizzati dalle varie strutture permetterà sia di esplorare l’ambiente fisico dei differenti plessi che di conoscere in maniera approfondita programmi e attività svolte. Inoltre, sarà possibile stabilire la prima connessione emotiva con lo stesso personale pronto ad accogliere i genitori. È bene ascoltare i passaparola ed i pareri di altri genitori che hanno già avuto esperienza con una determinata scuola, ma non bisogna sottovalutare le proprie sensazioni personali. Non è solo il bambino a dover essere sereno durante le ore passate a scuola, ma anche lo stesso genitore deve sentirsi tranquillo e senza preoccupazioni quando lascia il proprio figlio all’asilo.

Caratteristiche strutturali dell’asilo

Ambienti ampi e spaziosi sono l’ideale. Ancora meglio se con tante finestre così da poter far entrare la luce naturale del sole e dare un senso di apertura e libertà. La pulizia è un requisito fondamentale considerando il gattonare dei bambini più piccoli ed il vizio di toccarsi occhi e bocca con le mani. La suddivisione degli spazi e la scelta degli arredamenti devono essere ben definiti così da riservare ogni ambiente ad una specifica attività e ad una precisa età. Tra gli ambienti essenziali una zona pranzo, un’area per la nanna, una piccola palestra per le attività psicomotorie e uno spazio esterno. Soprattutto se si vie in zone ad alta densità urbana avere un piccolo giardino diventa un punto vincente. È l’opportunità per il bambino di aver un contatto approfondito con la natura a svolgere diverse attività come prendersi cura di piante o anche un piccolo orto. Infine, bisogna far attenzione alla predisposizione delle uscite di sicurezza, estintori e cassette di primo soccorso.

Valutare gli educatori

La formazione professionale riguarda più ambiti. Oltre quella psicologica e pedagogica, sono apprezzati corsi di primo soccorso e di aggiornamento per offrire percorsi di livello ai propri piccoli alunni. Gli stessi genitori, attraverso gli open day, avranno l’opportunità di conoscere e approfondire la relazione con gli educatori così da poterne apprendere l’approccio educativo. Anche il dialogo costante con gli stessi durante tutto il corso dell’anno è molto importante per essere sempre aggiornati e sentirsi partecipi della attività svolte in aula.
L’incontro con gli educatori è anche l’occasione per conoscere le modalità di inserimento dei bambini durante i primi giorni di scuola. Un momento fondamentale per far ambientare i bambini ad un nuovo contesto e a persone mai viste dove l’unica faccia familiare è quella del genitore.

Offerta formativa dell’asilo

Le attività svolte e pianificate devono comprendere diversi laboratori. È importante lavorare sull’apprendimento cognitivo, emotivo e relazionale del bambino. Attività sensoriali e di manipolazione per stimolare la creatività dei bambini, laboratorio musicale per sviluppare l’aerea espressiva e l’insegnamento di più lingue per aprire la mente.
Inoltre, è interessante sapere a priori se la classe sarà di tipo eterogenea o omogenea. La prima è composta da bambini di età differenti dove ci sono maggiori possibilità di lavorare dal punto di vista relazionale essendoci rapporti di scambio e confronto. Nella seconda, invece, i bambini hanno tutti la stessa età. In questo contesto deve esserci da parte degli educatori un maggiore impegno per l’ambientamento dei bambini.

Infine, è fondamentale conoscere gli orari dell’asilo, soprattutto quando entrambi i genitori sono impegnati nel loro lavoro durante tutto l’arco della giornata. Gli orari flessibili in apertura e chiusura dell’asilo sono sicuramente i più consoni per i genitori con esigenze più ingenti.

 

Pubblicato in Focus

Scritto da

Giornalista di inchiesta, blogger e rivoluzionario

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: