Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 355 Volte
Condividi

L’Aquila e ricostruzione: comunicato dell’Assemblea Cittadini

Contro il commissariamento, per una ricostruzione trasparente e democratica, prossime azioni legali e non violente.
L’Assemblea cittadina continuerà a presidiare la democrazia, per la nostra città e per tutto il paese. Per questo, martedì 28 settembre alle ore 11.00 saremo di nuovo al palazzo dell’Emiciclo per assistere alla seduta del Consiglio regionale sulla Ricostruzione post terremoto in Abruzzo.
Intendiamo riaffermare, con le armi civili, legali e non violente della partecipazione e del controllo democratico, la nostra decisa opposizione alla logica del commissariamento e alla nomina del privato cittadino nonché condannato dalla Corte dei Conti Antonio Cicchetti per lo svolgimento di funzioni che possono essere attribuite solo a istituzioni elettive.
Le recenti  dimissioni del Sindaco dell’Aquila Massimo Cialente da Vicecommissario alla ricostruzione, dimissioni più volte chieste dall’Assemblea, e innescate dall’inopportuna nomina di Cicchetti, rappresentano, seppur tardivamente, un decisivo segnale di chiarezza.
E soprattutto dimostrano e rafforzano con un atto importante quello che l’Assemblea denuncia da tempo: l’errore di fondo della logica del commissariamento, nonché l’inadeguatezza mostrata finora dalle strutture commissariali nel far fronte ai problemi della ricostruzione.

Pubblicità

 

I cittadini decidano sulla ricostruzione:

Continuiamo pertanto a chiedere a gran voce le dimissioni dalla carica di Commissario del Presidente della Regione Chiodi (anche in considerazione degli ultimi scandali portati alla luce dalle inchieste della Magistratura) e del suo nuovo vice.
In quest’ottica l’Assemblea parteciperà anche al Consiglio Comunale convocato per lunedì 27 settembre alle ore 16.00 presso la sala Spagnoli dell’Emiciclo, dove si discuterà un Ordine del Giorno del consigliere Enrico Perilli con il quale si chiede la revoca della nomina di Antonio Cicchetti.
Un’altra azione di opposizione al commissariamento decisa dall’Assemblea sarà di natura giuridica: l’intervento “ad adiuvandum”  al ricorso al T.A.R. del Lazio contro l’attribuzione dei poteri commissariali, già presentato nel marzo scorso e di cui il Tar discuterà nel merito il prossimo mese. Comitati, Associazioni, singoli cittadini potranno unirsi a questo ricorso apponendo la propria firma secondo modalità che verranno presentate a breve alla cittadinanza e alla stampa.
Invitiamo dunque tutti i cittadini che potranno a partecipare ai prossimi consigli Comunale e Regionale e chiediamo esplicitamente a Prefetto e Questore che questa volta gli strumenti del controllo dell’ordine pubblico non siano rivolti CONTRO i cittadini aquilani, ma a loro tutela. E’ intollerabile che si continui a usare la forza pubblica per IMPEDIRE la partecipazione dei cittadini alla vita delle Istituzioni locali.
Rigettiamo ancora una volta l’accusa di violenza che ci è stata rivolta; l’unica violenza attuata finora è quella contro di noi: oltre 100 poliziotti in tenuta antisommossa per presidiare la sede di una rappresentanza istituzionale ne sono la dimostrazione più concreta.
A questo risponderemo ancora una volta con una prova di civiltà e competenza, dando una dimostrazione concreta, con i nostri mezzi, di come, anche nella carenza di spazi e luoghi idonei, si possa garantire ai cittadini la massima partecipazione  nella maniera più semplice e degna di un paese civile.

 

I cittadini riuniti nell’Assemblea del Presidio Permanente

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Pierfrancesco Palattella

Giornalista indipendente, web writer, fondatore e direttore del giornale online La Vera Cronaca e del progetto Professione Scrittura

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: