Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 266 Volte
Condividi

Investimenti sul web: attenzione agli strumenti derivati

Che ormai quella del trading online sia una moda in grande espansione è un fatto conclamato. Abbiamo evidenziato più volte come gli italiani siano sempre più attratti da questa forma di investimento e ne abbiamo spesso fatto emergere quelli che sono i rischi principali.
Ciò che è interessante approfondire è come, con la proliferazione del trading online, siano nati una serie di strumenti ad esso connessi; abbiamo già parlato delle opzioni binarie, prodotto altamente rischioso come ormai noto alla maggior parte dei trader.
Tra gli altri strumenti sui quali chi investe tramite il web punta con sempre più insistenza ci sono i cosiddetti Cfd, ovvero contratti per differenza (dall’inglese contracts for difference).
All’estero sono già molto diffusi e ora anche i trader italiani stanno iniziando a sperimentarli. Di cosa stiamo parlando?

Pubblicità

I Cfd: cosa sono e come funzionano

I Cfd sono strumenti finanziari derivati in quanto il loro prezzo ‘deriva’, per l’appunto, dal valore di altre tipologie di strumenti d’investimento. In sintesi con i Cfd non si va ad acquistare direttamente un asset, che sia oro, materie prime, valute ecc… ma si va a negoziare sulla base della variazione di valore della attività sottostante.
Questa variazione è calcolata nel periodo intercorso tra il momento in cui l’operazione viene aperta e il momento in cui viene chiusa. Chi investe quindi, guadagna nel caso in cui il valore della attività sottostante vada nella direzione prevista.
Acquistando un certo numero di contratti su un dato asset si va poi a incassare un multiplo per ogni punto che si muove nella direzione prevista dal trader.
Come si può leggere al seguente link https://www.comegiocareborsa.com/cfd/cfd-cosa-sono-e-come-fare-trading-online.html che ne spiega il funzionamento, con i Cfd vengono scambiate le differenze di valore di un dato sottostante generate tra il momento di apertura e quello di chiusura della posizione.
Se un utente ad esempio ritiene che una data azione quotata sia sottovalutata, e quindi destinata a salire, andrà ad operare in quella direzione.

Rischi dei Cfd:

I Cfd sono strumenti semplici e per questo attraggono sempre più utenti; motivo per il quale i rischi legati al loro utilizzo sono in sostanziale crescita.
È fondamentale tenere a mente che i Cfd sono prodotti non adatti a tutti gli investitori, che richiedono conoscenza ed esperienza dei mercati, della loro volatilità, delle modalità di investimento. I rischi sono presenti e crescono con l’aumentare del cosiddetto leverage (leva finanziaria).
In riferimento al trading online va poi detto che molti broker, piattaforme di intermediazione necessarie per investire online, non operano in regola. Un po’ come accade per le opzioni binarie, un broker per essere in regola deve, in Italia, avere l’autorizzazione ad operare rilasciata dalla Consob.
Tanti fattori che contribuiscono a rendere i Cfd prodotti finanziari altamente rischiosi, sulla falsa riga degli altri strumenti di trading online.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Erik Lasiola

Giornalista di inchiesta, blogger e rivoluzionario

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: