Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 447 Volte
Condividi

Il concorso letterario senza premi e… senza dimora

Un concorso letterario che non prevede premi per il vincitore, poiché premio in sé è considerato già il partecipare, ed incentrato sul mondo dei senza dimora: un’idea originale e per certi versi provocatoria quella proposta da “La casa di cartone” e “Sul romanzo” che hanno dato vita alla II Edizione del Concorso di Poesia e Narrativa “La notte dei senza dimora”.
Il concorso prevede 2 distinte aree, quella della poesia e quella della narrativa, e si tratta di proporre un’opera, originale ed inedita, avente come tema quello della condizione di vita delle persone che vivono in strada.
Il concorso come detto non prevede alcun premio perché, come si legge dal bando di concorso, “riflettendo seriamente sulle condizioni di vita delle persone che vivono in strada non solo sarai più informato sul problema, ma ti avvicinerai al mondo dell’emarginazione con più consapevolezza. Scrivendo poi un testo su tutto ciò sensibilizzerai gli altri su uno dei disagi più tristi delle nostre metropoli. Riflettici: esisterebbe premio migliore?”
L’iniziativa nasce per sostenere la Notte dei Senza Dimora 2012, evento di cui avevamo già parlato in passato dalle pagine del nostro giornale in riferimento alle precedenti edizioni: si tratta di un’iniziativa molto interessante, nata in Italia nel 1999 su ispirazione dello ‘Sleep Out’  molto diffuso in Europa, che si svolge ogni 17 Ottobre, giornata mondiale contro la povertà indetta dall’ Onu.

Pubblicità

 

Dormire per strada con i senza tetto:

Durante questa notte tutti i cittadini che lo desiderano, possono dormire all’aperto nella piazza di riferimento utilizzando sacchi a pelo e cartoni proprio come autentici homeless; il tutto per condividere e comprendere più a fondo la situazione di chi vive in queste condizioni.
Tornando al concorso, la cui iscrizione è totalmente gratuita, i partecipanti dovranno inviare il proprio lavoro entro domenica 16 Settembre: dopodiché  in data lunedì 1 ottobre la giuria sceglierà una rosa di venti candidati alla vittoria (dieci per ogni sezione), i lettori ne sceglieranno cinque per la Poesia e cinque per il Racconto. I due premiati (primo per la Poesia e primo per il Racconto) saranno quindi letti il 17 ottobre 2012 proprio durante “La notte dei senza dimora” di Roma. I primi cinque di ogni sezione saranno inclusi in un’antologia scaricabile online il cui ricavato finanzierà la “La notte dei senza dimora”.
Un premio democratico, chiunque parteciperà avrà vinto per il fatto stesso di aver inviato il proprio testo sulle persone senza dimora. Tuttavia non è tutto facile come può apparire poiché si tratta di un argomento alquanto delicato e, prima di scrivere, è importante informarsi e conoscere ciò che si va a trattare.
Come si legge dal sito della Notte dei Senza Dimora infatti, “attenzione è anche una responsabilità: non c’è premio che non vada conquistato, infatti. Perchè scrivere impone un’attenzione alle cose, alla realtà e al messaggio da non sottovalutare. Il tema poi è pericoloso: la banalità è in agguato dietro l’angolo della nostra immaginazione. Il rischio di essere scontati si nasconde nei tombini dei sentieri dei nostri intrecci.”

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Gianpaolo Battaglia

Blogger, esperto di web e web marketing

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: