Seguici su:

Sociale

Letto 541 Volte
Condividi

Povertà, lo Stato ci riprova: 80 euro al mese agli indigenti

Un altro provvedimento sulla scia di quanto già tentato di fare in passato; sono stati molti gli esperimenti che, nel corsi degli anni, i vari governi hanno provato a mettere in pratica contro la povertà.
Chi non ricorda la famigerata Social Card di tremontiana memoria? Fu proprio l’allora ministro dell’Economia del governo Berlusconi, Tremonti, a destinare una sorta di bancomat da 40 euro mensili a persone over 65 e famiglie con figli entro i 3 anni con un reddito massimo Isee di 6.000 euro, non più di una casa, non più di un auto.
Il provvedimento non ebbe grande successo e si parlò di una sorta di elemosina, a tanto potevano corrispondere 40 euro mensili per fare la spesa.

Pubblicità

Gli altri esperimenti del 2013 e del 2014:

Fu poi il turno della nuova carta acquisti, nel 2013: il provvedimento divenne sperimentale in 12 grandi città italiane e prevedeva la concessione di un sostegno affiancata da un percorso per il reinserimento nel mondo del lavoro con il supporto dei Servizi Sociali.
Nel 2014 si arriva a lanciare la nuova Social Card: o meglio, la carta acquisti come fu chiamata. Il provvedimento distingueva tra social card ordinaria e straordinaria.
Adesso, a distanza di 3 anni da quell’ennesimo tentativo, lo Stato ci riprova. Si parla questa volta di carta Sia, ovvero sostegno di inclusione attiva che ricalca quanto già sperimentato in passato nelle 12 grandi città italiane.

La carta Sia: si parte a settembre 2016

Cos’è la carta Sia? Si tratta di una carta di pagamento elettronico, proprio come la Social Card, destinata a famiglie in difficoltà economica. Verrà caricata con 80 euro mensili per un massimo di 400 euro a nucleo familiare.
È destinata ovviamente a chi ha un indice Isee sotto i 3.000 euro (la prima Social Card di Tremonti era più inclusiva, si parlava di reddito Isee di 6.000 euro) e aderisce a un progetto personalizzato di inserimento sociale finalizzato quindi alla ricerca di un’occupazione e altri parametri.
La carta girerà su circuito Mastercard e potrà essere utilizzata per acquisti nei supermercati, farmacie, alimentari o per avere sconti sulle bollette energetiche.
Una volta a regime il provvedimento costerà allo Stato, nel 2016, circa 750 milioni; l’obiettivo dichiarato dal Governo è di arrivare a raddoppiare nel 2017.

Critiche alla Sia:

Contro questo provvedimento si sono schierate già associazioni a difesa dei consumatori, come il Codacons che l’ha definito un piccolo passo insufficiente; o la Caritas.
Per quest’ultima, facendo riferimento a quanto già sperimentato nelle 12 grandi città italiane nel 2013, il report del ministero del Lavoro non avrebbe chiarito quanto gli enti locali siano riusciti a creare progetti personalizzati.
Si parla di quei progetti che sono alla base del funzionamento di questo provvedimento, tesi a impegnare le familgie beneficiarie nella ricerca di un lavoro, nel raggiungimento di obiettivi di istruzione quale frequenza scolastica, o sanitari (vaccinazioni ecc….). Sempre secondo la Caritas poi per contrastare la povertà non basterebbero i fondi previsti ma servirebbero circa 7 miliardi.
In definitiva questo nuovo provvedimento del governo a sostegno delle famiglie indigenti nasce già sotto il segno della polemica; e rischia di rivelarsi poco più di un brodino caldo. Proprio come i suoi predecessori Social Card e carta acquisti.

Pubblicato in Sociale

Scritto da

Marco Cherubini

Scrittore, giornalista, ricercatore di verità - "Certe verità sono più pronti a dirle i matti che i savi..."

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: