Seguici su:

Focus

Letto 615 Volte
Condividi

Lavoro flessibile: a Milano più produttivi dal tavolino di un bar

Il prossimo 20 giugno si celebrerà la Giornata mondiale della produttività, una ricorrenza ancora poco conosciuta ma comunque sfruttata dalle aziende per ringraziare i propri dipendenti e fornitori per il lavoro svolto durante il corso dell’anno, promuovere e dare anticipazioni sui propri prodotti e servizi e regalare corsi di formazione gratuiti ai propri clienti.
Secondo un recente sondaggio, il 14% degli intervistati risulta attualmente essere un lavoratore a distanza, mentre il 71% definisce la flessibilità del loro lavoro un punto decisamente a favore per la loro produttività.
Con il supporto della tecnologia, il mondo si sta trasformando sempre più in un vero e proprio ufficio e potremmo definire “intelligenti” alcune grandi città tra le quali spicca Milano, seconda classificata nel Smart City Index 2016 e polo economico italiano dove gli spazi dedicati al lavoro a distanza aumentano di giorno in giorno.

Pubblicità

Milano: i migliori luoghi con Wi-fi gratis

Alla luce di questa evoluzione Staples ha creato una mappa interattiva che riporta i 10 migliori luoghi del capoluogo lombardo che, offrendo la possibilità di usufruire di una connessione Wi-Fi gratuita, permettono di lavorare a distanza.
Le principali ragioni per le quali avere un impiego di questo aumentano creatività e produttività risiedono nella possibilità di fare networking e un notevole risparmio in termini di tempo.
Ci sono però anche altre motivazioni secondarie che spiegherebbero perché lavorare dal tavolino di un bar risulti più produttivo.

Perché lavorare da un tavolino è più produttivo?

Per esempio, una ricerca pubblicata di recente sul Journal of Consumer Research stabilisce che un livello moderato di rumore come il ronzio di una macchina del caffè o lo spostamento di tazzine, sarebbe di grande aiuto per la concentrazione e la creatività.
Allo stesso tempo, un studio condotto dalla Facoltà di Psicologia della Vrije Universiteit stabilisce che lo sforzo mentale è contagioso e che accerchiarsi di persone che lavorano duramente fa scattare in noi un grande senso di competitività.
Sebbene non si riesca a vedere le attività in cui gli altri sono impegnati, questo risulta in un aumento della nostra efficienza in termini di produttività.

Lo smart working: lavoro a distanza

Se vivete dunque in una grande città italiana e pensate che lo smart working – sinonimo del più comunemente chiamato lavoro a distanza – rispecchi il vostro stile di vita, cogliete al massimo le possibilità che offre diventando ancor più produttivi e creativi cominciando a lavorare dal tavolino di un bar.
Se avete la fortuna di vivere a Milano, inoltre, traete ispirazione dalla mappa interattiva presentata e scegliete i luoghi che vi ispirano maggiormente. Tra questi troverete la caffetteria Pavé Milano, la Paninoteca Morini e Coffice, quest’ultimo bar è dedicato completamente al co-working, sistema mediante il quale vari lavoratori autonomi possono condividere un ufficio o un qualsiasi luogo di lavoro. Anche un tavolino di un bar.

Pubblicato in Focus

Scritto da

Gianpaolo Battaglia

Blogger, esperto di web e web marketing

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: