Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 1333 Volte
Condividi

Curiosa ordinanza del sindaco: vietato morire nei giorni festivi

Vietato morire: una ordinanza piuttosto curiosa quella emanata da Isabelle Dugelet, sindaco del villaggio francese di Gresle di circa 850 abitanti situato a 70 km a nord-ovest di Lione. Il sindaco ha disposto il divieto per i suoi abitanti di morire nei fine settimana. Il tutto a tempo indeterminato.
I motivi nascono da un fatto di cronaca recente: una morte registratasi di domenica a mezzogiorno ha messo in evidenza tutte le problematiche del villaggio vista la difficoltà di trovare un medico per dichiarare la morte di un residente della struttura locale per anziani.
Per gli altri componenti del consiglio comunale si tratterebbe di un’ordinanza che manca profondamente di rispetto verso i defunti e le loro famiglie; si tratta di una presa di posizione provocatoria che mira a denunciare le problematiche di natura sanitaria e la carenza di medici nel paesino di Gresle.
Non è certamente la prima volta che si registra una situazione del genere, ordinanze di questo genere sono state prese anche in Italia negli anni passati. Qualche esempio?

Pubblicità

Quando in Italia era vietato ammalarsi o morire

Era successo a Roncadelle, comune in provincia di Brescia con poco più di 9.000 abitanti, nel 2010. In quell’occasione il sindaco aveva emanato un’ordinanza che vietava in modo categorico di morire su tutto il territorio comunale, a prescindere dal giorno o dall’ora. Si trattava ovviamente anche lì di una provocazione per accendere i fari dell’opinione pubblica sul fatto che il cimitero comunale risultata essere di dimensioni troppo piccole ed i fondi per l’ampiamento non erano presenti.
Un qualcosa di simile a quanto registrato invece ad Acquapendente, piccolo comune italiano con meno di 6.000 abitanti in provincia di Viterbo. Anche qui, sempre nel 2010, un’ordinanza dell’allora sindaco aveva vietato di ammalarsi (leggi la notizia qui) stabilendo quindi la disattivazione dei servizi ospedalieri. Ai cittadini si raccomandava di evitare “di contrarre qualsiasi malattia e patologia che necessiti un intervento ospedaliero soprattutto d’urgenza”.

In Francia vietato morire nei giorni festivi

Tornando al caso della Francia, in provincia di Lione, si tratta sempre di una provocazione del sindaco che vieta ai suoi abitanti di morire nei fine settimana e nei giorni festivi per un periodi indefinito. Il tutto per denunciare la carenza di medici.
Più nello specifico si fa riferimento ad una situazione sanitaria “catastrofica” anche nei comuni limitrofi con i cittadini che avrebbero difficoltà a farsi curare e che, per trovare un medico, devono percorrere diversi chilometri. Il tutto senza avere rimborsi in quanto non all’interno di un percorso assistenziale.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Matteo Vespasiani

Giornalista scomodo - "L'unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede..."

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: