Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 479 Volte
Condividi

Matrimonio con un clandestino: a San Marino non è reato

Per uno straniero che vive in Italia coronare il proprio sogno d’amore con il matrimonio non è affatto un’impresa semplice, soprattutto da quando la legge italiana ha imposto, nel Luglio 2009, il divieto di contrarre matrimonio con chi è clandestino.
Stando all’ultima modifica del pacchetto sicurezza, infatti, la persona straniera che desidera sposarsi nel nostro Paese deve dimostrare la regolarità del proprio soggiorno: le coppie in cui uno dei due risulti irregolare non possono sposarsi. La norma di riferimento (introdotta dalla Legge 15 luglio 2009 n.94, Ddl 733-b) è stata approvata per introdurre un giro di vite all’illegalità e ai “finti” matrimoni misti celebrati in Italia, dato che prima della modifica uno straniero clandestino, sposandosi con una persona di nazionalità italiana, aveva automaticamente diritto ad un titolo di soggiorno.

Tuttavia, a riprova della perenne attualità del vecchio detto “fatta la legge trovato l’inganno”, gli immigrati hanno scoperto un’alternativa al proibizionismo; la Repubblica di San Marino, in barba ai divieti italiani, consente infatti il matrimonio con una persona straniera (o fra stranieri) senza chiedere alcun tipo di documento che testimoni la regolarità del soggiorno. L’Aduc, associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori, ha notato attualmente come sul web circoli perfino uno spot pubblicitario in cui una coppia, inquadrata sullo sfondo di panorami mozzafiato e bellezze architettoniche della stessa San Marino, viene incalzata dallo slogan “innamorati di me”: un’esortazione per niente casuale dato che l’amore e’ diventato, in questo piccolo Stato, una vera e propria questione di business. 
Consentendo la celebrazione di matrimonio anche tra coniugi dove uno dei due risulti clandestino, la Repubblica di San Marino è diventata infatti una sorta di “gallina dalle uova d’oro, nata nel luglio 2009 con il pacchetto sicurezza italiano”: è così che la definisce l’associazione, che poi prosegue precisando “prima dell’emanazione di questa legge le coppie che si sposavano a San Marino erano una quindicina l’anno.

Pubblicità

 

 

 

 

 

 

Dopo l’approvazione sono diventate settanta e sono continuate ad aumentare, al punto che San Marino, da buon affarista, ha alzato i prezzi: sposarsi lì costa fra i 300 e i 1000 euro”. Nonostante le spese decisamente elevate, sono cioè tante le coppie composte da un italiano ed un clandestino, o da uno straniero regolare in Italia e un clandestino, che decidono di investire questa somma in cambio di una carta di soggiorno: è sufficiente un passaporto valido, il certificato di stato libero e l’atto di nascita (emessi dal Comune del Paese d’origine, tradotti e timbrati dal consolato in Italia e legalizzati dalla Prefettura) ed il gioco è fatto.
E il governo italiano come reagisce ad una simile pratica che, stando all’interpretazione delle norme contenute nel pacchetto sicurezza, favorirebbe l’illegalità non contrastando l’immigrazione clandestina? La risposta, riportata ancora dall’Aduc, proviene direttamente dal Segretario di Stato per gli Affari Interni di San Marino, Valeria Ciavatta: “le autorità italiane competenti non hanno mai chiesto un confronto o inviato atti a riguardo, sebbene a conoscenza della possibilità che ciò accadesse in virtù delle diverse legislazioni vigenti”.
Dopo essere entrato in vigore il pacchetto sicurezza, prosegue Ciavatta, “lo stesso argomento è stato affrontato in un cordialissimo incontro da me promosso ed avvenuto a Roma con il Ministro Maroni, in occasione del quale ho messo a disposizione i nostri dati ed ho informato il Ministro del quadro normativo risultante dalle leggi italiana e sammarinese e dalla convenzione bilaterale, nonché dei gravosi oneri burocratici a carico dei nostri uffici. Non abbiamo ricevuto contestazioni e neppure richieste, né prima né dopo l’incontro, pur avendo dato la nostra disponibilità a valutare le esigenze del Governo italiano, per considerare le quali siamo stati noi stessi a promuovere le iniziative dette.”

Il Segretario di Stato per gli Affari Interni, in poche parole, sostiene che il Governo italiano non abbia mai minimamente sollevato il problema dei matrimoni misti celebrati a San Marino, irregolari secondo la legge italiana di riferimento che è oggetivamente proibizionista e al limite del razzismo nel suo presupporre, senza possibilità di smentita, che il clandestino contragga matrimonio in Italia esclusivamente per ottenere il permesso di soggiorno. Si tratta di un atteggiamento delle istituzioni quanto mai ambiguo e contraddittorio, al punto che verrebbe quasi da pensare che gli stranieri irregolari inclusi in una fascia di reddito in grado di sostenere determinate spese economiche vengano considerati, in Italia, “meno clandestini” degli altri.

 

Martina Lacerenza

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Martina Lacerenza

Nata a Roma nel 1984. Laureata in Lettere. Blogger e collaboratrice giornalistica

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: