Seguici su:

Posta

Letto 132 Volte
Condividi

Furto sacrilego in nottata al convento Carmelitano di Barile

 

28.10.2012 – La  restaurata Chiesa del Convento, fondata da Padre Mariano dei  Carmelitani di Melfi (1756), in nottata ha ricevuto una brutta “visita” da parte di  balordi che, non riuscendo ad aprire il portone centrale, hanno infranto, in malo modo, una vetrata  sui muri perimetrali. La soprintendenza ai Beni artistici e monumentali, su progetto a cura dell’Arch.Tomangelo Cappelli (a forma del celebre “Rettangolo aureo”) l’aveva ri-consegnata, qualche lustro fa, alla comunità barilese, dopo decenni di ritardi e lavori interminabili, a causa di vari fattori.
Coloro che si sono maldestramente introdotti nella chiesa, nottetempo, hanno, inoltre, procurato una ferita visibile sul muro laterale  -un grosso buco-  ed entrati hanno fatto razzie di calici, della porticina dell’ostensorio e materiali liturgici vari.

Pubblicità

 

 

 

L’amarissima sorpresa del parroco Don Tommy Garzìa (non ha ritenuto di rilasciare dichiarazioni ufficiali in merito, per ovvi motivi) non gli ha impedito di officiare la messa domenicale, pur nello scempio di diverse statue della chiesa sfregiate, nella viva costernazione dei fedeli e dei parrocchiani  della parte alta del paese (denominata in gergo albanese “Us & Cument”).
Subito allertati la Caserma dei carabinieri di Barile ed il Comando di polizia municipale, dopo un primo sopralluogo delle forze dell’ordine, l’area dell’ennesimo furto sacrilego  è stata recintata e sottoposta “a sequestro” cautelativo (tempo addietro, ancora uno sconcertante furto sacrilego, scoperto dai Priori della Confraternita S.Atanasio ,Luigi Saracino e Michele  Giuliano, ai danni della preziosa “reliquia” di San Rocco, già benedetta dal Vescovo diocesano, dentro un ostensorio artistico, poggiato sull’altare del vecchio tempio).

 

Molto dispiaciuto del brutto episodio , assieme alla popolazione tutta , il direttivo dell’Associazione turistica “Pro loco” (presidente Daniele Bracuto) che appena un mese fa aveva allestito-con successo- nel settecentesco istituto “Padre Minozzi”- la  XVIII edizione della kermesse enogastronomica ed artistica “Tumact me Tulez” (PIOT Vulture). Intanto le indagini per accertare responsabilità del caso proseguono a pieno ritmo.

 

Donato M. Mazzeo

Pubblicato in Posta

Scritto da

La Vera Cronaca

La Vera Cronaca, giornale online libero e indipendente

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: