Seguici su:

Focus

Letto 357 Volte
Condividi

Vaglia postale: cos’è e come si fa

Il vaglia postale è ancora d’attualità, nonostante l’arrivo di un gran numero di servizi grazie ai quali è possibile spedire denaro ad altre persone. Il motivo di questa persistente popolarità è da ricercare soprattutto nel fatto che per procedere in questo modo non è necessario essere intestatari di un conto corrente bancario o postale. Una caratteristica che si aggiunge ad una procedura estremamente semplice e al fatto di poter contare su ben quattro diversi tipi di servizio da parte di Poste Italiane.

Cos’è il vaglia postale

Il vaglia postale è un sistema di pagamento che è gestito dal circuito Poste Italiane e che consente di inviare denaro anche a persone che non abbiano un conto corrente presso una banca o presso le stesse Poste. In sostanza uno strumenti di semplificazione e che è presente da secoli nei vari paesi, non solo in Italia, sotto forme più o meno simili. Non a caso in epoca monarchica si parlava di servizio vaglia delle Regie Poste Italiane.
Come riporta lo stesso sito di Poste Italiane, questo strumento nelle due Guerre Mondiali ha favorito la possibilità di inviare transazioni commerciali e i pagamenti, anticipando i moderni sistemi di trasferimento di denaro. In sostanza le Poste si erano evolute e non erano più viste solo come uno strumento per spedire pacchi. Oggi lo strumento del vaglia postale è ancora attivo e si è evoluto, consentendo di inviare denaro in modo semplificato anche direttamente dal proprio pc.

Come si fa un vaglia postale: presso un ufficio oppure online

Per fare un vaglia postale basta recarsi presso uno dei tanti uffici di Poste Italiane disseminati lungo il territorio nazionale, portando un documento di identità valido e il codice fiscale, prendere il ticket relativo ai servizi finanziari e attendere il proprio turno. Nel frattempo si può compilare il modulo del vaglia postale per poi consegnarlo all’impiegato assieme al denaro che si intende inviare.
Per il pagamento è possibile utilizzare anche la carta di credito o il bancomat. Nel caso di sottoscrizione di un conto Bancoposta o BancoPosta Click, è possibile addebitare l’ammontare del vaglia sul conto.  È anche possibile procedere sul web nel caso in cui sia stato attivato il servizio BancoPosta Online-Internet Banking, che abilita a procedere ovunque si sia tramite PC, smartphone e tablet. In questo caso, però, è disponibile solo il vaglia ordinario.

Quali tipi di vaglia sono messi a disposizione da Poste Italiane

Esistono quattro tipi di vaglia, dotati di diverse caratteristiche e costi:

  1. ordinario, presso ufficio oppure online, con consegna del vaglia al beneficiario in un arco tra i 3 e i 4 giorni, con la riscossione della somma disponibile per due anni e rimborso al mittente ove essa non sia mai avvenuta;
  2. circolare, che assicura in più la possibilità di consegnare personalmente il modulo di ritiro al beneficiario, che può riscuoterlo presso qualsiasi ufficio postale. Il rimborso al beneficiario avviene solo in caso di smarrimento o sottrazione del titolo, corredato da denuncia presso le autorità competenti:
  3. veloce, che garantisce il trasferimento immediato dei fondi e che prevede il rimborso dei soldi non riscossi dopo 30 giorni dall’invio;
  4. internazionale, che permette di spostare i soldi in un arco temporale tra i 7 e i 10 giorni in alcuni Paesi dislocati in ogni angolo del globo.

Quanto costa un vaglia postale?

Il costo del vaglia dipende appunto dal servizio che si sceglie. In questo momento, i costi previsti sono i seguenti:

  • per il vaglia ordinario 6 euro allo sportello e 2,5 online;
  • per quello internazionale 6 euro;
  • per il vaglia circolare da 3 a 10 euro, a seconda della cifra inviata nel caso in cui sia in contanti, mentre non comporta costi ove l’addebito avvenga sul conto BancoPosta;
  • per il vaglia veloce 10 euro.
Pubblicato in Focus

Scritto da

Giornalista scomodo - "L'unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede..."

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: