Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 271 Volte
Condividi

Sterilizzatori per neonati: guida alla scelta

Accessori che vanno sempre più per la maggiore partendo da un fatto oggettivo: nei primi mesi di vita un bambino tende ad essere maggiormente esposto in quanto il suo sistema immunitario non è ancora del tutto sviluppato. Germi e batteri, nemici con i quali ci si scontra tutti i giorni, potrebbero essere altamente rischiosi per un neonato.
Ecco perché è di assoluta importanza che ogni accessorio utilizzato per il bimbo sia sterilizzato a dovere. Un tempo questa operazione richiedeva una buona dose di fatica, oggi si riesce a fare tutto comodamente grazie agli sterilizzatori per neonati. Di cosa si tratta?
Gli sterilizzatori sono strumenti comodi che consentono di disinfettare con regolarità, anche più volte nel corso della giornata, tutto ciò che entra in contatto con i bambini, a partire dal ciuccio per proseguire con biberon e via via tutti gli altri oggetti che il bimbo tende a mettere in bocca.

Pubblicità

Tipologie di sterilizzatori

In sostanza uno sterilizzatore è uno strumento che nasce appositamente per sterilizzare oggetti di uso quotidiano del bimbo così da disinfettarli al meglio. Per eliminare i microorganismi ed i batteri che possono entrare a contatto con la bocca del bambino la soluzione ideale è quella di ricorrere ad uno sterilizzatore.
Sul mercato esistono diverse tipologie di sterilizzatori, ciascuno con proprie peculiarità così da consentire la scelta a seconda delle esigenze: di base le macro aree sono tre, si parla quindi di sterilizzatori a caldo, a freddo ed a vapore. Tre distinti modelli per altrettanti metodi di sterilizzazione con la costante di ottenere un livello elevato di igiene.
Nella sterilizzazione a caldo si ricorre ad un dispositivo che arriva ad alte temperature per eliminare batteri ed impurità; per sterilizzare a caldo si può usare, con lo stesso principio, il vapore. La sterilizzazione a freddo ha un meccanismo differente che prevede l’uso di un liquido igienizzante senza la necessità di ricorrere ad elevate temperature.

Modelli e marche sterilizzatori neonati

Detto delle distinte tipologie di sterilizzatori andiamo ora a vedere modelli e marche: il più diffuso è certamente lo sterilizzatore Chicco che, come si può leggere sul sito womenmag.eu, viene prodotti in quattro diverse varianti: due elettrici, uno a freddo ed uno per il forno a microonde.
i modelli elettrici, e vale non solo per la marca Chicco, vanno collegati alla corrente dopo essere stati riempiti di acqua così da generare vapore; gli sterilizzatori a microonde prevedono a loro volta inserimento acqua ed oggetti da sterilizzare. I modelli a freddo sono i più longevi, quelli presenti da più tempo sul mercato: si procede riempiendo una vaschetta di acqua per andare poi ad aggiungere il disinfettante. Spesso utilizzato, quest’ultimo modello, anche per disinfettare cibi quali frutta.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Marco Cherubini

Scrittore, giornalista, ricercatore di verità - "Certe verità sono più pronti a dirle i matti che i savi..."

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: