Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 984 Volte
Condividi

I prezzi della case? Saliranno dal 2017: e i mutui crescono

Una ripresa economica leggera che sta interessando anche il settore degli immobili dal quale, in fondo, era partita la crisi mondiale nel 2008. Secondo Nomisma, l’osservatorio sul mercato immobiliare, dal 2017 i prezzi delle abitazioni torneranno di nuovo in crescita.
Secondo il rapporto l’Italia si sarebbe ormai lasciata alle spalle la crisi, ma la risalita dovrebbe comunque essere lenta e con diverse insidie. Andando a leggere a fondo il rapporto Nomisma, emerge che nell’anno in corso i prezzi degli immobili risulteranno in calo del 2,8%; nel 2016 rimarranno più o meno stabili con un +0,1%, per poi crescere, come detto, a partire dal 2017 quando saliranno dell’1,5%.
In sostanza si vede la luce ma bisogna ancora attendere per poter dire che la crisi del mercato immobiliare è superata.

Pubblicità

 

Richiesta di mutui:

Una ripresa economica lieve che solo parzialmente si riflette sul mercato immobiliare. Secondo Nomisma, pur a fronte di condizioni convenienti per acquistare casa vista la discesa dei prezzi e dei tassi sui mutui, il 75% delle famiglie italiane ha comunque bisogno di rivolgersi a una banca per richiedere assistenza economica.
Il dato è supportato dal fatto che il mercato dei mutui sta attraversando un periodo prospero: di pari passo con il crescere dell’importo concesso per l’acquisto di casa infatti, sta diminuendo il gap fra l’importo richiesto e quello concesso dalla banca. Questo è il dato emerso dall’ultimo Osservatorio di Mutui.it e Facile.it.
Lo scorso semestre è stato concesso un finanziamento totale di pari a circa 123 mila euro, il 2,4% in più rispetto al semestre precedente. E a lasciare sperare è il fatto che, per la prima volta, si assottiglia il divario tra la cifra che si richiede e quella che poi si riesce materialmente ad ottenere dalla banca.

 

Prezzi delle abitazioni:

Tornando al rapporto Nomisma, il dato relativo al 2015 che porterà ancora ad un segno meno farà crescere ulteriormente il divario con il 2008, anno di inizio della crisi immobiliare.
Da allora ad oggi i prezzi delle abitazioni nuove sono crollati del 21,7%; quelle delle abitazioni usate del 22,6% mentre gli uffici sono calati del 23,5% e i negozi del 19,6%.
Per il 2016 si prevede una minima risalita dei prezzi per edifici ad uso abitazione; uffici e negozi subiranno ancora cali. Dal 2017 invece, secondo i calcoli Nomisma la ripresa dei prezzi riguarderà l’intero settore ovvero tutte le tipologie di abitazioni.
Ad aumentare sarà conseguentemente anche il numero di compravendite annue: si stimate sarà in crescita del dell’8,1% nel 2016, del 6,1% nel 2017 e del 3% nel 2018.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Marco Cherubini

Scrittore, giornalista, ricercatore di verità - "Certe verità sono più pronti a dirle i matti che i savi..."

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: