Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 436 Volte
Condividi

L’Unione Europea richiede interventi globali sul gioco

La Commissione Politiche dell’Unione Europea, nella persona del suo vicepresidente, si occupa di affrontare la tematica del gioco d’azzardo: ritiene che, indubbiamente, questo sia un problema complesso e con risvolti particolarmente sensibili dato che “toccano la persona” che può esservi coinvolta.
Quindi, questo tema così come la questione relativa alla necessità di giocare nei migliori casino online legali con licenza AAMS evitando quelli non regolamentati va assolutamente affrontata.
E il modo migliore di farlo non è certamente quello di muoversi con proclami o spot o, peggio ancora, approcciandolo in modo ideologico; perché in questo modo non si produrrebbero i risultati sperati.

Pubblicità

 

Come affrontare la tematica del gioco online?

Serve un particolare equilibrio, assai difficoltoso da trovare, ma indispensabile, tra la tutela sociale, il valore economico del settore ed i relativi ingressi erariali.
Bisognerebbe dare voce ad ognuno e poi fare una sorta di riassunto che tocchi tutte le problematiche e le esigenze: un grandissimo impegno che va messo sul piatto e senza il quale il gioco non può andare avanti ed evolversi.
Urge, di conseguenza, un intervento globale sul mondo del gioco ma che sia non dettato, come si dice in questi casi, dalla “pancia” -e quindi poco soppesato e ben valutato- ma che inverta la tendenza di una sorta di “proibizionismo” che, si è visto, non è prodromo di alcunchè di positivo.

 

Un settore che necessita una riforma:

Per quanto riguarda, poi, il gioco in Italia bisogna mettere mano sicuramente ad una riforma complessiva del settore, ma una volta per tutte una riforma nazionale che non lasci spazio ad interpretazioni “varie” ma che metta in condizione il giocatore da Nord a Sud della Penisola di giocare in egual forma e misura.
Se ne parla da tempo, da quando il gioco d’azzardo ha raggiunto dimensioni tali da portare alle necessità di una riflessione da parte dei soggetti governativi; ciò anche in virtù del fatto che non esiste, ad oggi, una normativa comunitaria specifica in materia di gioco d’azzardo e che il Parlamento Europeo ha affermato la legittimità degli interventi dei singoli stati membri a protezione dei giocatori.
E ciò dopo che, qualche anni prima, la stessa Commissione Europea si era espressa in favore della rimozione degli ostacoli che in Italia erano stati posti al gioco d’azzardo online.
Ecco quindi il ruolo importante rivestito dalle nostre istituzioni; e qui subentra l’importanza della “famigerata” Conferenza tra Stato ed Enti Locali. Si passa anche di lì per arrivare ad un futuro positivo in materia di gioco online.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Marco Cherubini

Scrittore, giornalista, ricercatore di verità - "Certe verità sono più pronti a dirle i matti che i savi..."

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: