Seguici su:

Focus

Letto 566 Volte
Condividi

Il boom dei negozi Compro oro

Un cartello a fondo giallo con una scritta nera “compro oro”: chi non ha mai vista questa pubblicità? Probabilmente in pochi tenendo presente che quello dei negozi compro oro è un businness in forte espansione, nella Capitale così come nel resto di Italia, tanto da far parlare di sè come di un vero e proprio boom.
Tale fenomeno, da considerarsi più che mai il giusto termometro del livello della crisi che attanaglia le famiglie, è facilmente riscontrabile dalle vetrine dei negozi, così come dagli annunci su internet o dai cartelloni pubblicitari.
Con le borse economiche mondiali che proseguono a rilento, titoli di stato al minimo storico ed un mercato azionario infarcito di forti incognite, il prezioso metallo, il cui prezzo costantemente in ascesa ha raggiunto picchi da record, è ormai da tempo un rifugio nel quale assicurare i propri soldi nonchè una fonte di sicuro guadagno per chi lo vende.

Pubblicità

Famiglie italiane e povertà:

E la necessità di soddisfdare i bisogni primari trova spesso appagamento in questo mercato: gioielli, orologi, monete e preziosi di vario genere venduti per pagare bollette, cambiali, fare la spesa.
Secondo un rapporto Censis/2009 infatti oltre il 30% delle famiglie italiane risulta essere in difficoltà nel coprire quelle che vengono definite spese quotidiane ed essenziali, così come sono in aumento del 5,2% le insolvenze con assegni, cambiali e tratte che non vengono onorate. Per quel che riguarda quest’ ultimo dato, va segnalato che Roma è in cima alla lista con  il più alto numero di assegni scoperti. Il 12% delle famiglie risulta in arretrato con le bollette, l’11,2% non ha avuto i soldi per coprire le spese mediche proprio mentre i farmaci in vendita nelle farmacie e parafarmacie hanno subito un rincaro considerevole.

Il Boom dei Compro Oro a Roma:

Fatta questa doverosa premessa risulta più facile capire l’aumento vertiginoso dei negozi compro oro ed inquadrare questo fenomeno nella sua giusta collocazione, circoscriverlo in un naturale ambito legato a doppio filo con l’aumento della crisi che spinge la gente a ricorrere ad ogni tipo di espediente per fare cassa. Per le strade di Roma proliferano nelle vetrine cartelli che pubblicizzano l’acquisto di oro, offrono condizioni vantaggiose, pagano subito ed in contanti; sono sempre di più e spesso prendono il posto propio di negozi che hanno dovuto chiudere per la crisi.
Girando per il centro se ne vedono numerosi, in sequenza, spesso a pochi metri l’uno dall’altro, talvolta in punti strategici; come nel caso della zona di Campo dei Fiori, dove vetrine con cartelli “compro oro” continuano a spuntare come funghi proprio nei paragi del Monte dei Pegni che, come raccontato in un precedente articolo (Una mattina al Monte dei Pegni) dalle pagine del nostro giornale, rappresenta un altro snodo cruciale per chi ha impellente bisogno di liquidità.

Non solo nelle periferie:

Da via dei Giubbonari passando per via dell’Arco del Monte, vicolo degli Specchi, piazza del Monte della Pietà, proprio in prossimità del Monte dei Pegni, è un continuo susseguirsi di cartelli con la medesima scritta e di gente che entra ed esce dalle porte con doppio vetro blindato; gente di ogni tipo, ragazzi, adulti, pensionati, chi alle prime armi chi invece è ormai un assiduo frequentatore, a pochi passi da una delle piazze più belle ed in vista della città, a ridosso degli eleganti ristoranti affollati dai turisti, nelle strade dove nel Rinascimento nacque e proliferò il commercio urbano di Roma presieduto dall’emergente classe borghese.
Qui, come anche in molti altri punti della città, periferie incluse, cresce e si nutre questa sorta di microcosmo di persone in difficoltà, quasi un universo parallelo ed invisibile che deve fare i conti con il bisogno, un mondo a tinte fosche, certamente variegato, ma con un’ unica costante rappresentata dall’impellenza: quella di dover necessariamente vendere qualcosa.

Pubblicato in Focus

Scritto da

Pierfrancesco Palattella

Giornalista indipendente, web writer, fondatore e direttore del giornale online La Vera Cronaca e del progetto Professione Scrittura

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: