Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 146 Volte
Condividi

Iva, chiarimenti dell’Agenzia Entrate sulle prossime novità

L’Agenzia delle Entrate ha fatto chiarezza su diverse novità in materia di imposte indirette con la circolare n. 3/E del 16 febbraio 2024. Cosa cambia per l’Iva? Vediamo quali sono i principali mutamenti in vista con riferimento ai prossimi mesi.

Cosa cambia per l’iva

Con riferimento all’iva, l’imposta sul valore aggiunta, i cambiamenti principali riguardano:

  • Aumento dal 5% al 10% dell’aliquota Iva per alcuni prodotti per l’infanzia e l’igiene femminile.
  • Ritorno all’aliquota ordinaria del 22% per i seggiolini per bambini, che prima beneficiavano dell’aliquota ridotta al 5%.
  • Proroga dell’aliquota Iva agevolata al 10% per il pellet di legno per i mesi di gennaio e febbraio 2024.
  • Riduzione da 154,94 euro a 70 euro (Iva inclusa) del valore minimo delle cessioni di beni per uso personale o familiare trasportati nei bagagli personali fuori dall’Unione Europea, al di sopra del quale la cessione è esente da Iva.
  • Estensione degli obblighi anti-frode Iva alle operazioni di immatricolazione e voltura di autoveicoli, motoveicoli e loro rimorchi provenienti da Città del Vaticano e San Marino.

Novità anche per l’imposta di registro e l’Ivafe.

La circolare fornisce indicazioni precise su queste e altre disposizioni introdotte dalla legge di Bilancio 2024, dal decreto “Anticipi” e dal decreto “Salva-infrazioni”. Le novità in materia di imposte indirette sono numerose e complesse. La circolare dell’Agenzia delle Entrate rappresenta un primo passo per fare chiarezza e fornire indicazioni operative a cittadini e imprese.

Ivafe: quali novità

L’Ivafe è l’acronimo di Imposta sul Valore delle Attività Finanziarie detenute all’Estero. Si tratta di un’imposta patrimoniale che grava sui prodotti finanziari, conti correnti e libretti di risparmio detenuti da persone fisiche residenti in Italia presso intermediari esteri. L’aliquota dell’imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero (Ivafe) è stata elevata al 4 per mille annuo per i prodotti finanziari detenuti in Stati o territori a regime fiscale privilegiato.

Imposta di registro, cosa cambia

Per quanto riguarda l’imposta di registro, un’imposta indiretta che grava sui trasferimenti di beni immobili e su alcuni atti giuridici, come ad esempio i contratti di locazione, le donazioni e le successioni, i cambiamenti riguarderanno:

  • L’esenzione dall’imposta per l’adeguamento degli statuti degli enti sportivi dilettantistici è stata prorogata al 30 giugno 2024.
  • L’esenzione dall’imposta di registro ricomprende anche le modifiche o integrazioni statutarie riguardanti la possibilità di esercitare attività secondarie e strumentali rispetto a quelle istituzionali e la ridefinizione delle clausole di incompatibilità degli amministratori.
  • Sono stati chiariti i criteri per avvalersi dell’agevolazione “prima casa” per le persone trasferite all’estero per ragioni di lavoro che abbiano risieduto in Italia per almeno cinque anni, o qui svolto, per il medesimo periodo, la loro attività.

La circolare affronta anche altri temi, come l’imposta di bollo e le imposte sulle successioni e donazioni. Si tratta di un documento importante per cittadini e imprese, che fornisce indicazioni precise sulle nuove disposizioni in materia di imposte indirette.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Blogger, esperto di web e web marketing

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: