Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 715 Volte
Condividi

Il prezzo pazzo dell’oro: effetti delle oscillazioni su economia reale

L’oro, da sempre considerato il bene rifugio per eccellenza, ha visto il suo prezzo oscillare non poco nel corso dell’ultimo mese. L’andamento del prezzo del metallo giallo dipende da una serie di fattori, primo tra tutti dall’ andamento del dollaro: più il dollaro scende e più il prezzo dell’oro tende a salire poichè ovviamente saranno necessari meno dollari per comprare la stessa quantità di oro.
Viceversa, quando il dollaro statunitense è più forte, l’oro tende a perdere terreno in misura proporzionale. Ad ottobre le previsioni degli analisti che parlano di un possibile rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve hanno influito non poco sull’andamento dei mercati finanziari, indebolito il dollaro e fatto salire il prezzo dell’oro, che è arrivato a toccare i 1.170 dollari l’oncia (unità di misura che corrisponde a poco più di trentuno grammi), ovvero il punto massimo degli ultimi quattro mesi.
Risulta quindi evidente che le Banche Centrali, così come pure eventuali azioni e decisioni del Fondo Monetario Internazionale, influiscono non poco sull’andamento della quotazione dell’oro.

Pubblicità

 

Fattori che influiscono sul prezzo dell’oro:

Altri fattori che influiscono sull’andamento dell’oro sono ovviamente l’andamento della domanda e dell’offerta, nonché la situazione politica ed economica dei singoli Paesi, soprattutto di quelli più importanti per dimensioni e ricchezza.
Questo perchè, come già detto, l’oro è considerato un bene rifugio, quindi il suo prezzo tende a salire in periodi di instabilità politica o di incertezza economica, situazioni che spingono numerosi investitori ad abbandonare investimenti rischiosi, come possono essere azioni o altri strumenti simili, e a rifugiarsi nell’oro mettendo così al sicuro le proprie disponibilità economiche e finanziarie.compro oro
Influiscono sul prezzo dell’oro anche altri fattori comunemente presi meno in considerazione, come ad esempio la situazione climatica dei Paesi in cui il metallo prezioso viene estratto (condizioni climatiche talvolta estreme tendono a rallentare i tempi di estrazione, con conseguenze sulla quantità di metallo disponibile e quindi sul suo prezzo).
Dunque, mentre il valore delle singole valute viene influenzato anche e soprattutto dall’inflazione, il prezzo dell’oro è influenzato anche da altri fattori economici e non e, al contrario, non è toccato dai flussi inflazionistici e dai flussi monetari.

 

L’ altalena del prezzo dell’oro: effetti sull’economia reale

L’andamento del prezzo dell’oro produce ovviamente effetti sull’economia reale, ma soprattutto influenza le scelte di coloro che scelgono di investire in oro, sia attraverso l’acquisto di oro fisico (lingotti o gioielli), sia attraverso l’acquisto di titoli finanziari che hanno l’oro come sottostante, si pensi ad esempio alle azioni di una società che si occupa di estrazione dell’oro oppure agli ETF (Exchange Traded Funds), fondi specifici che vengono negoziati in borsa.
Ma il momento in cui il prezzo dell’oro raggiunge livelli alti è un ottimo momento non tanto per comprare oro e scegliere di investire tutte o parte delle proprie risorse nel metallo giallo, ma soprattutto per vendere.
Chi ha investito in oro può guadagnare dal precedente investimento vendendo quando la quotazione sale massimizzando così i ricavi. Questo vale non solo per chi ha acquistato azioni o titoli che hanno come sottostante l’oro, ma anche per coloro che sono in possesso di oro fisico, mediante la vendita di lingotti d’oro e gioielli presso i compro oro.

Quotazione oro e compro oro:

La quotazione dell’oro, infatti, è presa in considerazione dai compro oro per determinare il prezzo al grammo del prezioso metallo che viene acquistato quando il suo proprietario decide di venderlo.compro-oro2
Ne deriva quindi che l’andamento della quotazione dell’oro influisce anche sull’attività dei compro oro che sono da un po’ di tempo in crisi e che per questi motivi i compro oro sono alla ricerca di nuovi servizi da offrire ai clienti (come i servizi di quotazione in tempo reale e blocco del prezzo); più alto sarà il prezzo e maggiore sarà il numero di persone che deciderà di vendere il proprio oro per ottenere un profitto in denaro.
Per contro, un prezzo basso, spinge i potenziali venditori ad attendere un momento migliore per effettuare la vendita ed ottenere in cambio soldi in contanti, fatta eccezione ovviamente per i casi limite delle persone in seria crisi che hanno bisogno di denaro immediato e non possono permettersi di attendere che si arrivi ad un prezzo migliore.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Matteo Vespasiani

Giornalista scomodo - "L'unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede..."

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: