Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 136 Volte
Condividi

Mutui: calo dei tassi, torna la convenienza del fisso

Tassi sui prestiti in discesa: dopo i picchi di oltre il 14%, il credito al consumo torna a respirare con una media dell’8,93%. Un vantaggio per le famiglie, che su un finanziamento di 10 anni per un’auto da 25mila euro possono risparmiare fino a 10mila euro. Il tasso fisso scende al 3,69%, mentre il variabile resta sopra il 4%. Rispetto al 2023, quando i tassi superavano il 5%, questo calo si traduce in un risparmio di 54mila euro per un mutuo di 200mila euro su 25 anni. Per i mutui erogati nel 2023, le rate dei fissi sono raddoppiate, mentre per i variabili l’aumento è tra il 60% e il 78%.

Il costo del denaro nel 2023

6,8 milioni di famiglie indebitate: circa un quarto del totale, di cui 3,5 milioni con un mutuo per la casa. Nel 2022 e 2023, il costo del denaro è salito al 4,5%, ma le banche, prevedendo un allentamento da parte della BCE, hanno già iniziato a ridurre i tassi. A fine marzo 2024, il valore complessivo dei mutui per l’acquisto di abitazioni era di 423,4 miliardi di euro, con una crescita del 9% rispetto al 2020 ma un calo dell’1% rispetto al 2022. Di questi, 144 miliardi sono a tasso variabile e 279 a tasso fisso.

  • Tassi fissi: da luglio 2022, il loro interesse medio è passato dall’1,8% a oltre il 6%, con un raddoppio delle rate mensili. Negli ultimi mesi, c’è stata una riduzione con un tasso fisso medio al 3,69% a marzo.
  • Tassi variabili: nel 2023, hanno superato il 6% contro lo 0,6% di fine 2021. Oggi la media è al 3,67%, con un aumento del 77,4% per un prestito di 150mila euro su 20 anni (rata mensile a 1.180 euro contro i 665 euro di due anni fa).

Fase di transizione

In attesa del taglio del costo del denaro da parte della BCE (tra circa 10 giorni), le banche migliorano le condizioni su prestiti e mutui alle famiglie. Già ora, la media dei tassi di interesse è calata rispetto a fine 2024, con vantaggi per chi vuole comprare casa. Nei prossimi 18-24 mesi: la BCE dovrebbe ridurre il costo del denaro per portare l’inflazione al 2%, un livello “ottimale” a cui abituarsi.

Sintesi

Dopo un periodo di rialzi, i tassi sui prestiti e mutui iniziano a scendere, con un vantaggio per famiglie e imprese. Il mutuo fisso torna più conveniente del variabile, che però attende i prossimi passi della BCE. L’obiettivo è di arrivare a un costo del denaro più basso e a un’inflazione stabile al 2%.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Blogger, esperto di web e web marketing

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: