Seguici su:

Politica

Letto 331 Volte
Condividi

Quelli che, scioccamente, si scagliano contro il reddito di cittadinanza

Questa che sta finendo sembra sia stata la settimana dell’indignazione. Ci sono arrivati anche gli italici ad indignarsi. Certo con un bel po’ di ritardo rispetto ai francesi a cui ha dato voce lo scrittore Stéphane Hassel tedesco naturalizzato francese – ha combattuto nella resistenza francese ed è sopravvissuto a Buchenwald – ma era il 2010 e i motivi dell’indignazione erano tutt’altri.
Nel suo panphlet Hassel chiedeva indignazione per i dimenticati valori della resistenza, per la poca voglia di giustizia e di uguaglianza e per il progresso solo per pochi. Invece gli italici, si spera siano solo una minoranza vociante, si stanno indignando per il reddito di cittadinanza.

Quelli che si indignano per il reddito di cittadinanza

Sono molti quelli che telefonano o scrivono alle radio o alle trasmissioni televisive per dire che è ora di finirla di dare denaro agli amici del divano. Quelli che si accontentano di briciole piuttosto che lavorare. Come se il lavoro crescesse sugli alberi e a coglierlo ci volesse niente.
Questi moderni Savonarola, qualunquisti e reazionari il giusto, dimenticano che un simile strumento per combattere la povertà esiste in tutti i paesi occidentali e se nel nostro ci sono delle deficienze queste sono da imputarsi al metodo e non a chi non riesce a mettere d’accordo il pranzo con la cena e con quel sussidio arriva a malapena a fine mese.

Guardare il dito e non la luna: tipico degli sciocchi

Come tutti gli sciocchi questi novelli indignati guardano il dito e non la luna. E allora piovono proposte oltre il limite della stupidità: “fategli imbiancare le scuole” oppure “fategli tenere puliti i giardini” citrullano, che se così si facesse si avrebbero come disoccupati imbianchini e giardinieri. Tanto per dire.
Che poi a cavalcare queste bischerate ci si mettano anche pretesi progressisti come il Bonaccini Stefano sta solo a dimostrare quanto l’ottusa ossessione del concentrarsi sul proprio ombelico sia trasversale. Che ci siano cose da sistemare è indubbio, che i controlli siano stati laschi è indubbio, che la documentazione richiesta sia lacunosa è indubbio, ma buttare il bambino con l’acqua sporca è da fessi.

Sussidi: ai cittadini no ma alle imprese si

Piuttosto sarebbe bello vedere analoga indignazione per l’evasione e l’elusione fiscale che molti liberi professionisti, artigiani, taxisti, commercianti, partite Iva et similia praticano con grande leggerezza ed altrettanto grave danno per il bilancio dello Stato e dunque per tutti i cittadini.
Tra i più feroci critici del reddito di cittadinanza c’è anche, come poteva mancare, il Bonomi Carlo, leader di Confindustria, che se n’è uscito con la definizione di Sussidistan (fonte: https://www.quotidiano.net/cronaca/basta-bonus-non-siamo-il-sussidistan-bonomi-accusa-il-governo-poi-la-tregua-1.5558025) dimostrando con ciò una discreta dose di perfida creatività. Dovrebbe mandare il suo curriculum a Charlie Hebdò, forse lì ha un futuro.
Dopo di che cade nella banalità e qui è poco creativo perché chiede che i sussidi non siano dati a chi vive in indigenza ma alle imprese. Che se i soldi dello Stato sono dati agli industriali allora non si tratta più di sussidi e assistenzialismo. E ha ragione Bersani quando gli risponde che: “In Italia si chiamano assistenzialismo i soldi che vanno agli altri”. Per una volta tanto sacrosanta verità bersaniana.

Pubblicato in Politica

Scritto da

Castruccio Castracani

Blogger satirico, polemico, dadaista, ghibellino, laico, uomo d'arme e di lettere - Il Vicario Imperiale

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: