Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 528 Volte
Condividi

Tempi duri per gli assenteisti: il decreto per licenziarli

Tempi duri per gli assenteisti. Casi come quello di Capodanno scorso dei vigili a Roma non si dovranno più ripetere. Almeno questo è l’auspicio di partenza condivisi da tutti e, soprattutto, dal legislatore.
La riforma della Pubblica Amministrazione presentata dal ministro Madia comprende una serie di provvedimenti e misure finalizzate a sistemare il settore. Tra queste, anche il cosiddetto decreto legislativo sul licenziamento disciplinare che in queste ore sta affrontando il proprio iter in Parlamento.
L’obiettivo dichiarato, sorpattutto in virtù dei troppi episodi che continuano ad emergere in tutta Italia, è quello di contrastare i cosiddetti furbetti del cartellino, ovvero i tanti dipendenti pubblici che si assentano dal lavoro dopo aver timbrato.

Pubblicità

Cosa prevede il decreto:

Guerra ai furbetti del cartellino, dicevamo. Una pratica di malcostume tutta italiana che rappresenta una piaga per la Pubblica Amministrazione. Al punto che, nel decreto di riferimento, è stato inserito il concetto di danno di immagine per la stessa Pubblica Amministrazione quando un dipendente venga trovato a compiere atti di questo tipo.
Entrando più nello specifico, il decreto legislativo sul licenziamento disciplinare che si sta discutendo riguarda solo e soltanto i casi di falsa attestazione della presenza in servizio. Ovvero, i lavoratori che timbrano il cartellino ma poi si assentano.
Per questi furbetti, le nuove regole andrebbero a prevedere la sospensione dalla funzioni entro 48 ore e un procedimento disciplinare da concludersi entro 30 giorni nel caso di flagranza, ovvero qualora i comportamenti illeciti venissero documentati in modo inequivocabile da telecamere o altri strumenti di controllo.

La falsa attestazione:

Altro aspetto interessante del provvedimento è quello legato alla falsa attestazione. Ovvero, tutti i comportamenti fraudolenti attuati avvalendosi di soggetti terzi, come nel caso in cui un dipendente timbri per un altro.
Diversa la storia relativa ad assenteismo presunto per i quali è necessario approfondire se i certificati medici presentati siano reali o meno. È il caso ad esempio della vicenda dei vigili urbani a Roma la notte di Capodanno. Il decreto che si sta dibattendo non va a legiferare su questo argomento e il tutto sarà affrontato in un successivo provvedimento.
Il focus è invece ben acceso anche sui casi di assenze seriali per malattie; ovvero, assenze fisse in giorni prima di una festa o a cavallo dei weekend. Qualora accertati, tali comportamenti potrebbero essere rilevanti ai fini di scarso rendimento e, quindi, passibili di licenziamenti senza dover attendere eventuali procedimenti penali.
Un insieme di norme quelle presenti nel decreto legislativo sul licenziamento disciplinare che andrebbe a riformare una materia che si dibatte da anni ma per la quale, nel concreto, non si è mai riuscito a fare molto.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Marco Cherubini

Scrittore, giornalista, ricercatore di verità - "Certe verità sono più pronti a dirle i matti che i savi..."

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: