Seguici su:

Posta

Letto 518 Volte
Condividi

Civitavecchia: il degrado dell’ Ospedale

Pubblichiamo una lettera che ci è giunta nelle scorse ore in redazione, da parte di un lettore del giornale, che fa riferimento ad una condizione di abbandono e degrado nel quale si troverebbero alcuni reparti dell’ospedale San Paolo di Civitavecchia. La lettera è inoltre accompagnata da diverse foto a testimonianza di quanto ci scrive.

 

“Gentile redazione de La Vera Cronaca,

vi scrivo per dar voce e far luce sulla situazione di degrado trovata all’interno dell’ospedale San Paolo di Civitavecchia, ancora oggi a distanza di alcuni giorni riguardando le foto che ho scattato rabbrividisco.
Dalle foto potete vedere in quale situazione si trova, ci troviamo di fronte ad un vero scempio, per noi cittadini che utilizziamo questo servizio è alquanto imbarazzante. Non capisco come chi debba vigilare e chi debba far rispettare le norme di sicurezza non sia a conoscenza o faccia finta di niente.

Pubblicità

 

 

La situazione è in totale degrado ed abbandono, in due giorni di ricovero di un mio caro, ho trovato una situazione inaccettabile della struttura; cavi elettrici scoperti,  quadri elettrici generali aperti senza nessuna protezione, muri senza intonaco, porte di emergenza senza scale, sedie rotte o mancanti o addirittura sporche nella sala di attesa, il montacarichi dove vengono trasportati i pazienti risulta sporco ed indecente, punti di ruggine sui termosifoni insomma un luogo che rassomiglia poco ad un ospedale. Il mio box auto è sicuramente più pulito e più sicuro.
Questo mio sfogo spero che serva a far muovere gli animi delle persone e delle istituzioni al fine di risolvere in tempi brevissimi ogni singolo problema.
A voi lascio giudicare quanto vi ho raccontato con alcune prove fotografiche da me scattate.”

 

 

Adriano Rando
Un semplice cittadino che osserva ogni giorno le regole

Pubblicato in Posta

Scritto da

La Vera Cronaca

La Vera Cronaca, giornale online libero e indipendente

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: