Seguici su:

Politica

Letto 497 Volte
Condividi

Presentazione liste candidati: nel Pd ce ne è per tutti i gusti

Il Pd, più tecnocrate ed efficiente di Mario Monti, ha presentato per primo le liste dei suoi candidati alle elezioni politiche di febbraio. E per ottenere questo invidiabile primato nelle liste ci ha buttato dentro di tutto. Proprio come quando si fanno le valige in fretta e furia perché si ha paura di perdere l’autobus per la stazione. E quindi si cacciano dentro alla rinfusa spigati siberiani e canottiere, sandaletti e scarpe, costumi da bagno e muffole.
Così finalmente si è capito perché Pier Luigi Bersani nel famoso confronto televisivo per le primarie se ne uscì dicendo che il suo riferimento era papa Giovanni XXIII. «perché è stato un vero riformista», disse. Alcuni risero, addirittura il Fatto Quotidiano di Marco Travaglio quantificò l’entità della risata in mezzo web, magari esagerando un pochino, altri fecero dell’ironia. Pochi capirono il senso del riferimento.
Oddio non che sia facile cogliere il concetto delle vivide metafore che l’uomo di Bettola ci ammannisce ad ogni piè sospinto. Tra la pioggia che bagna tutti, i tacchini che stanno sul tetto -che questa a Renzi proprio non gli entra in testa- e donne che sono fuori dagli stereotipi (leggi Emma Bonino) non è facile destreggiarsi.

Pubblicità

Nelle liste candidati del Pd c’è un po’ di tutto:

Nella indicazione di Roncalli come personaggio di riferimento era sottinteso l’ecumenismo. E Bersani vuole essere più ecumenico dell’inventore dell’ecumenismo. Per non essere da meno. E sfogliando le liste dei candidati delle varie circoscrizioni, pare ci stia riuscendo: dentro c’è proprio di tutto.
Soprattutto tante belle facce note. Dinosauri che di estinguersi non ne vogliono proprio sapere (Finocchiaro e Marini e la Bindi per dirne solo tre) e sindacalisti magari moderati (Giorgio Santini dalla Cisl), che si sa mai che un sindacalista che fa il sindacalista sia troppo pericoloso e per essere sicuri pure qualcuno d’antan (Pietro Larizza ex Uil).
Ovviamente tra i candidati non possono mancare gli imprenditori (Matteo Colaninno) e i rappresentanti di Confindustria (Gianpaolo Galli) poi una spruzzatina di sportivi (Josefa Idem) e qualche magistrato (Grasso, Casson) e giornalisti come se piovesse(Mineo, Zavoli, Mucchetti …) e, ovviamente docenti universitari (Carlo Dell’arinda).
E finalmente i vincitori delle primarie locali che stanno in fondo alla lista (intriganti i casi di Lombardia, Puglia, Sardegna tra i più eclatanti) mentre i catapultati dalla direzione del partito che invece nella lista sono in testa (Luigi Manconi marito di Bianca Berlinguer, giusto per dirne uno per tutti) e naturalmente i premi di consolazione (Laura Puppato, neanche a dirlo).
E poi giù ad inseguire Monti a testa bassa. Poiché Monti ha Andrea Riccardi fondatore della comunità di Sant’Egidio e anche Pier Luigi ha la sua egidina: Emma Fattorini.

Oppositori e giovani turchi:

Monti schiera tra i candidati Andrea Oliviero delle Acli e Pier Luigi risponde con Luigi Bobba e aggiunge due carichi a coppe come Enrico Preziosi, ex vice presidente dell’Azione cattolica e per non lasciare nulla al caso come non inserire in lista la figlia dell’indimenticato Flaminio Piccoli?
Alcuni poi sono stati strappati alle loro legittime aspirazioni: Ugo Sposetti avrebbe voluto fare il nonno ma poiché al momento non ha nipoti ha accettato, forse a malincuore, di tornare a Montecitorio per proseguire la sua battaglia in favore del finanziamento dei partiti e della politica. Che senza di lui, già quattro legislature sulle spalle, che ha un indice di produttività di 87,2 e che nella speciale classifica si posiziona al 537° posto su 630, Bersani non sapeva proprio come fare.
In questa sua battaglia sostenuto da Marina Sereni -presentò anche un consuntivo dei suoi ricavi di parlamentare da cui risultava che versava alla sua portaborse come stipendio 1.609,93€/mese a fronte di un contributo ricevuto come rimborso di 3.690€/mese- che nonostante abbia presenziato all’ 83,54% delle votazioni ha un indice di produttività scarsino, 139,2 e si piazza al 392° posto. Un pochino: oltre la metà.
E poi naturalmente i giovani turchi alla Stefano Fassina, che chissà come farà ad andare d’accordo con i sindacalisti moderati e certi professori, lui che viene accreditato per essere un pericoloso “sinistro”.

Una scelta stile Vaticano:

Poi ci sono le caselle vuote che toccano agli alleati, tipo i socialisti, e quindi saranno in lista tra i candidati anche un Craxi di seconda generazione (Bobo) e un Claudio Martelli, questo originale, che trombato nel 2011 per il consiglio comunale di Siena, a settant’anni e dopo quattro legislature e un passato come conduttore televisivo, si rilancia in politica. Che se ne sente la mancanza. E se butta male si assisterà anche al ritorno del figliuol prodigo Rutelli. Che magari appena eletto si squaglia.
Insomma ce n’è per tutti i gusti. Più che liste elettorali sembrano gli elenchi delle referenze di un supermercato. Fino ad ora solo il Vaticano ma che ha storia lunghissima e gloriosa era riuscito a mettere insieme con tanta spregiudicatezza tradizione e innovazione e i gesuiti in questo sono stati più che maestri, avendo il giusto monsignore per ogni segmento di credenti: quello per le beghine, quello per la borghesia illuminata, quello per i poveri e anche quello per i rivoluzionari.
Si vede che sta facendo scuola. Si vede che Pier Luigi quando faceva il chierichetto giocava con i turiboli ma si impratichiva anche d’altro.

Pubblicato in Politica

Scritto da

Castruccio Castracani

Blogger satirico, polemico, dadaista, ghibellino, laico, uomo d'arme e di lettere - Il Vicario Imperiale

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: