Seguici su:

Politica

Letto 418 Volte
Condividi

Beppe Grillo e la Rivoluzione in atto

Mentre la politica latita e i problemi del Paese non trovano soluzione, grossa parte delle nuove generazioni italiane stanno decidendo di aggregarsi ai nuovi movimenti che da tempo sembrano nascere come funghi dappertutto.
Essendo una realtà sotto gli occhi di tutti, non è difficile per chi, munito di adeguate capacità retoriche e prendendo spunto da lacune e carenze che la mancanza di opportuni interventi governativi ha determinato, potrebbe avere interesse a far leva sulla rabbia collettiva, lanciando epiteti e slogan di sicura presa,per raggiungere i propri scopi.
Nelle scorse ore abbiamo ascoltato il comico Beppe Grillo, da un palcoscenico di Cesena, organizzato in occasione di un’adunata dei suoi seguaci, denominata “Woodstock 5 stelle”, proclamare:

Pubblicità

Partiti e soldi pubblici nel pensiero di Grillo

“I partiti sono morti, sono una concezione vecchia della politica. E noi non vogliamo commistioni con i morti”. Difficile convincere i giovani convenuti che le cose non stanno così, per cui ha potuto, tra fragorosi applausi, continuare: “Noi non abbiamo soldi pubblici. Se metti i soldi dentro la politica, la politica diventa merda. Scusate il termine. Noi non siamo di destra né di sinistra, siamo sopra, siamo andati oltre”.
Qui ha ricordato come la reazione del mondo politico al referendum popolare che aveva sancito l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti sia stata semplicemente quella di non rispettare la volontà popolare, “fottendosene” e stanziando somme per le loro casse addirittura superiori a quelle di prima. Uragano di applausi.

Chi sono i sostenitori del nuovo Movimento

Erano state valutate circa in ventimila le persone, soprattutto giovani, che tra tende, camper e alberghi avevano dormito nella zona e dalle prime ore della mattinata si erano sistemate per tutta l’area del parco. Ha continuato Grillo:
“Al campeggio ieri sera alle 11 dormivano tutti, con un silenzio, un cinguettio di uccellini… Il massimo della depravazione erano chinotti e succhi di frutta. Questa non è gente tranquilla, è gente che ha capito, gente informata. Che non vuole essere rappresentata da quei quattro morti che sono sottoterra. Noi siamo vivi, la nostra è un’espressione di vita. Questa è la vera politica, parliamo di come fare una casa, una città, di come muoversi”

Cambiare la Costituzione

“La nostra Costituzione la stiamo mettendo in pratica e vogliamo aggiungere il diritto alla felicità. Due giorni di felicità così sono un miracolo oggi in Italia ….Siamo già centomila iscritti e chiunque può iscriversi gratis al movimento, con cui possiamo veramente cambiarlo questo paese qua. Abbiamo un programma work in progress. E ciascun cittadino può contribuire, con la sua professionalità: usiamo il metodo Wiki. Non abbiamo sedie, non abbiamo capibastone. Hanno paura che ci tramutiamo in cittadini liberi, ci vogliono contaminare, state attenti, che ad andare con i morti si viene contagiati.
Ci dicono che siamo movimento di protesta, ma noi facciamo proposte. Dico basta a Fassino, D’Alema, Chiamparino, Bossi, Maroni. Gente che da 40 anni abbiamo sulle spalle, che vadano a lavorare…  Vorrei sapere cosa abbiamo da perdere. Il comunismo è morto, perchè l’hanno applicato male e non sanno neanche il perchè. E anche questo capitalismo è morto, perchè non prevede la democrazia.

L’Italia non è più una democrazia

L’Italia non è più una democrazia, ciascuno di noi ha un debito di trentamila euro …. Non riesco a capire: investiamo 15 miliardi di euro per comprare dei bombardieri, finanziando la più grande azienda di armi del mondo, poi chiudiamo le scuole “.
Non andiamo ancora avanti per non annoiare i lettori: speriamo che le forze sane del Paese si rendano conto di cosa sta avvenendo realmente tra la gente e quale futuro sta per presentarsi. Sentiamo in queste ore qualcuno prendersela con Beppe Grillo e denigrarlo con i consueti metodi che i cittadini italiani non accettano più: ancora non ha capito che non si tratta di leggera pioggia ma di un vero e proprio impetuoso ciclone.

Pubblicato in Politica

Scritto da

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: