Seguici su:

Inchieste

Letto 1577 Volte
Condividi

“La macchina del caffè dà il resto”. Ma non tutto

“La macchina da il resto”. Forse sarebbe il caso di scrivere sui distributori automatici di merendine e bibite “la macchina da il resto ma trattiene Euro 0.05 perchè le sei antipatico”.
Vai nelle Università, dove i ragazzi trattengono l’ansia pre-esame davanti a un caffè, oppure vai negli Ospedali, dove parenti e amici dei pazienti – magari in sala operatoria – decidono di interrompere lo sciopero della fame e della sete davanti al miraggio di un biscotto e di una bottiglietta d’acqua, ma il risultato è sempre lo stesso. I distributori automatici indicano soprattutto prezzi in centesimi (0,35; 0,45; 0,55; 0,65; 0,75), aggiornati con le ultime disposizioni legislative, ma dimenticano di restituire al consumatore di turno i 5 centesimi di resto.
Semplice, vuoi un caffè? Se non introduci Euro 0,45, ma una moneta di taglio più grande, finirai per pagare quel caffè Euro 0,50, alla faccia del prezzo indicato e delle rassicurazioni sul resto. Quindi, con un maggiore incasso per il distributore di ben 5 centesimi a prodotto venduto. E’ quanto abbiamo riscontrato in diversi Ospedali, Università e tribunali soprattutto su Roma e dintorni.

Pubblicità

Macchinette del caffè che rubano il resto:

Ora, prendiamo un luogo affollato, come potrebbe essere uno dei posti indicati oppure un aeroporto, una stazione, uno stadio. Se a 10 persone al giorno vengono tolti questi 5 centesimi, il titolare del distributore avrà incassato Euro 0,50 in più al giorno. Se a 100 persone al giorno vengono tolti 5 questi centesimi, il titolare del distributore avrà incassato Euro 5,00 in più al giorno. Se a 1000 persone al giorno vengono tolti questi 5 centesimi, il titolare del distributore avrà incassato Euro 50,00 in più al giorno. Non male se si considera che si tratta di soldi assolutamente non dovuti.
L’aspetto più bello però lo riscontriamo nel fatto che tale situazione si ripete quotidianamente anche nei Tribunali della Repubblica Italiana, il cuore pulsante della legalità. Anche qui è in atto la stessa pratica? Certamente. Evidentemente esisterà qualche legge che autorizza i distributori a trattenere i 5 centesimi.
Ricapitolando, se un Magistrato prende un caffè, anche lui finirà con il pagare i famosi 5 centesimi non dovuti. Ma allora stavolta non abbiamo davvero scampo, questa legge è uguale per tutti.

Pubblicato in Inchieste

Scritto da

Erik Banto

Blogger polemico, filantropo, fine conoscitore della psiche umana

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: