Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 361 Volte
Condividi

Stato – mafia, informazione e depistaggi: un parasole diventa agenda

Nel periodo in cui si ricorda il ventunesimo anniversario della morte di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e degli uomini della scorta presso lo svincolo di Capaci, accade un “evento” che riporta per un attimo soltanto, alla mente dei comuni lettori ed elettori le parole “mafia”, “trattativa”, “agenda rossa”, “Via d’Amelio”… che solitamente  occupano le copertine e le prime pagine dei telegiornali e quotidiani in occasione delle commemorazioni delle stragi per poi finire nel dimenticatoio per un altro anno intero.
Sabato 18 Maggio il quotidiano Repubblica titolava “Ecco l’agenda rossa di Borsellino dopo la strage”. Da subito, la gran parte di giornali e televisioni ha gridato allo scoop: sul sito del quotidiano di Ezio Mauro esce un video dal titolo “Ecco i ladri dell’agenda di Borsellino” (18/05), il Presidente del Senato Grasso afferma di essere una persona “che tiene sempre ad accertare la verità” e nell’ambito della trattativa dice di non poter “che essere disponibile ad essere ascoltato dai magistrati… magari nella Sala della Costituzione: consultarla, ogni tanto, non fa male”(La Stampa 18 Maggio).

Pubblicità

 

Notizie false sui giornali:

Intanto anche Il Giornale di Sallusti usa la “clamorosa” notizia per delegittimare i magistrati che avrebbero compiuto “l’ennesima falla investigativa”(18/05) negando l’acquisizione del filmato.
Qualunque lettore, in un paese normale (non il nostro, quindi), facendosi un po’ di giri e sfogliando i principali quotidiani, avrebbe subito pensato all’insabbiamento giudiziario, alla giustizia collusa, queste toghe sporche… ma visto che nel nostro paese le notizie false circolano sui giornali come il pane quotidiano, nessuno si è messo le mani nei capelli. Come a dire: dopo vent’anni ci abbiamo fatto l’abitudine.
Dopo due giorni la scientifica chiarisce che l’oggetto rosso nel video non è la famigerata agenda rossa di Borsellino, bensì un semplicissimo parasole e che il video non venne messo agli atti perché irrilevante. Coloro che avevano gridato allo scoop, ça va sans dire, minimizzano il falso con minuscoli trafiletti dai titoli esilaranti come “Agenda rossa, i dubbi della scientifica: forse era un parasole” (Repubblica 22/05) o “Ma quale agenda rossa, era un parasole. Si sgonfia lo scoop di Repubblica” (Il Giornale 22/05). Insomma, un depistaggio bello e buono? Si chiederebbe il lettore. No, dai ragazzi non esageriamo. Rispondono i giornali.

 

Processo sulla trattativa Stato – Mafia:

Il bello, anzi il brutto, è che tutto questo miserevole spettacolino avviene qualche giorno prima che inizi il processo sulla trattativa Stato – Mafia (27 maggio a Caltanissetta) che ha visto rinviati a giudizio, oltre agli uomini d’onore, anche l’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino, l’ex senatore Marcello Dell’Utri (già conosciuto dalla procura palermitana), l’ex democristiano Calogero Mannino, e i due ufficiali del Ros che incontrarono Ciancimino: Mario Mori e Giuseppe De Donno.
La speranza è che alcuni pseudo-giornalisti, che continuano a parlare di “processo sul nulla” o di “trattativa mai esistita”, ed alcuni altri occupanti di poltrone, che da vent’anni delegittimano i magistrati che indagano sulle stragi salvo poi sedersi nelle prime file in occasione delle commemorazioni di queste, non si imbattano in affermazioni spiacevoli e lascino lavorare i giudici di Palermo che davent’anni tentano di giungere ad una verità scomoda e che, probabilmente, fa paura a qualcuno.
Ma di questa ne abbiamo troppo bisogno per riscrivere la storia del nostro tormentato paese e per rendere giustizia ai familiari di coloro che hanno sacrificato la vita per difendere lo Stato.

Giacomo Salvini

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

La Vera Cronaca

La Vera Cronaca, giornale online libero e indipendente

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: