Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 421 Volte
Condividi

Schulz Italia: gli infissi in alluminio e PVC a prova di ladro

Quando si pensa alla protezione della casa, la prima cosa che viene in mente è l’antifurto. In realtà, ci sono anche altri metodi per proteggere l’abitazione, ad esempio si possono prevenire le effrazioni con degli infissi di sicurezza.
Uno studio condotto sui furti nelle abitazioni ha messo in luce un dato significativo: in circa la metà dei casi, i ladri sono riusciti ad entrare nell’abitazione dopo aver forzato la portafinestra, impiegando tra l’altro pochissimi minuti per entrare nelle case.
Questo dato ha fatto dunque capire qual è il principale punto debole delle case e ha spinto l’azienda Schulz Italia a trovare delle soluzioni per risolvere la situazione. È così che sono nati gli infissi antieffrazione di Schulz Italia, considerati oggi tra le migliori soluzioni per prevenire le effrazioni e per far sì che la propria casa resti al sicuro.

Pubblicità

Prevenire le effrazioni con Sekur

Schulz Italia ha presentato Sekur per offrire ai propri clienti una soluzione per proteggere la casa dalle effrazioni. Si tratta infatti di un infisso antieffrazione che ha ottenuto la certificazione RC3 secondo la normativa UNI ENV 1627-1630.
RC3 è l’acronimo di classe di resistenza 3. Per stabilire la classe di resistenza degli infissi vengono effettuati dei test, in cui si cerca di scassinarli utilizzando i principali attrezzi impiegati dai malintenzionati. Sekur è riuscito a raggiungere la categoria RC3 perché dopo venti minuti di tentativi di effrazione con gli strumenti più comuni è riuscito a restare chiuso, senza consentire l’accesso.
Questa resistenza è resa possibile dagli elementi di sicurezza di cui Sekur è dotato. Si ha, innanzitutto, una ferramenta a nastro di sicurezza, che viene avvitata sull’acciaio. Sono presenti, inoltre, dei nottolini antistrappo, insieme ad un vetro di sicurezza classificato nella categoria P5A per quanto riguarda la resistenza e che viene incollato all’anta con un metodo innovativo per aumentare ulteriormente la sicurezza.
Va sottolineato che si parla di resistenza all’effrazione: un infisso resistente impedisce il facile accesso alla casa e, nella maggior parte dei casi, fa sì che il malintenzionato si scoraggi e scelga di non tentare ulteriormente.

Perché installare gli infissi antieffrazione?

Il primo motivo che spinge i clienti a pensare all’acquisto e all’installazione di infissi antieffrazione è il bisogno di sicurezza, che rientra tra quelli fondamentali dell’uomo. Infissi e serramenti di sicurezza possono soddisfare questa necessità e tenere al sicuro tutti i membri del nucleo familiare e gli oggetti di valore presenti nella casa.
C’è anche un altro aspetto, però, che non deve essere sottovalutato: installando degli infissi di sicurezza si farà aumentare il valore dell’immobile, sia in caso di affitto che in caso di vendita. Per la locazione, in media il pagamento mensile richiesto è aumentato del 21% rispetto alle abitazioni senza sistemi di sicurezza, mentre al momento della vendita il valore dell’immobile sale in media del 7%.
L’acquisto di infissi di sicurezza potrebbe dunque essere visto come un investimento, sia che si voglia mettere la propria casa in affitto, sia che si abbia intenzione nel medio-lungo periodo di vendere l’immobile e di generare un profitto.

Perché scegliere gli infissi di Schulz Italia

Gli infissi di sicurezza prodotti dal marchio Schulz Italia sono di alta qualità e garantiscono un’elevata protezione dell’abitazione. Sekur è uno dei prodotti di maggior successo dell’azienda, che vanta in catalogo una vasta gamma di infissi e serramenti, tutti realizzati con materiali di prima qualità, come il PVC e l’alluminio, e con un design moderno ed elegante.
L’azienda opera nel settore dal 1997 e ha il merito di aver introdotto sul mercato delle soluzioni innovative per le abitazioni fin dai primi anni di attività. Tutti i prodotti inoltre sono realizzati in Italia e puntano alla valorizzazione del made in Italy.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Erik Lasiola

Giornalista di inchiesta, blogger e rivoluzionario

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: