Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 500 Volte
Condividi

Fini – Berlusconi : inizia lo scontro aperto

Tra Berlusconi e Fini sembra iniziato lo scontro aperto. Già attraverso alcuni media vicini al premier sono partite le prime schermaglie che anticipano una prossima guerra senza quartiere, insieme ad atti intimidatori, nei confronti del presidente della Camera e del suo gruppo di seguaci, largamente previsti.
Prepariamoci, dunque, a vedere da adesso in poi i fatti pubblici e privati dei 33 deputati e 10 senatori che fanno capo a Fini, manipolati e sbandierati ai quattro venti attraverso i vari mezzi d’informazione, televisivi e non, controllati dal premier. Sbandierati per colpire la loro immagine e cercare di provocarne un lento e progressivo isolamento.
E’ una tattica antica quanto il mondo, che consiste nell’indebolire l’avversario attraverso insinuazioni e sospetti, diffondendo dicerie velenose contro di lui. E’ la tattica dell’inganno in movimento, e l’inganno, è risaputo, è un aspetto della mistificazione che a sua volta è caratteristica connaturata ad ogni essere umano.

Pubblicità

 

 

Plutarco, il leone e la volpe:

Esso assume particolare significato ed importanza nell’ambito del potere politico, dove è associato quasi sempre alla minaccia della forza, alla capacità di persuasione, all’esposizione di autorità, al carisma.
E’ da ricordare, inoltre, come ha tramandato Plutarco, quanto esso potere trovi talvolta il giusto equilibrio nei due simboli del leone e della volpe: dove manca la forza del leone, essa può essere sostituita dalla scaltrezza della volpe.
Machiavelli ha descritto tale fenomeno con i termini “forza/impostura”. In uno scontro di poteri dove esiste una parte più debole, la capacità dell’astuzia può essere decisiva contro chi dispone di mezzi più potenti, che possono essere usati in modo coercitivo e decisivo.
Lo scontro Berlusconi-Fini si presenta improntato sulla questione dei numeri su cui è basata la reciproca forza. Numeri di uomini e numeri che scaturiscono da previsioni e sondaggi. Nel mare agitato dei numeri da cui sarà caratterizzata la battaglia politica, è nostra opinione che sarà favorito chi possiede una migliore capacità di navigare a vista. Di assumere decisioni, cioè, e mettere in atto strategie diverse di volta in volta, assecondando l’evoluzione degli eventi.
In questo contesto assumono fondamentale importanza intuizione e senso pratico. Come spiega bene un’antichissima storia: “Il saggio Nasrudin stava traghettando un passeggero attraverso un fiume. All’improvviso le acque cominciarono ad agitarsi ed egli cominciò a rivolgersi al passeggero, dicendogli di tenersi saldo ai legni e, soprattutto, non sapendo che questi era un dotto.
‘Non avete mai studiato la grammatica?’- gli chiese il dotto. ‘No’.  ‘Allora avete sprecato metà della vostra vita’. Dopo qualche minuto Nasrudin si rivolse ancora  al passeggero: ‘Avete mai imparato a nuotare?’. ‘No. Perchè?’.  ‘Allora’ – concluse il saggio – ‘la vostra vita è stata interamente sprecata: stiamo affondando!’.”

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: