Seguici su:

Archivio Notizie

Letto 684 Volte
Condividi

Anziani più sani ma anche più poveri e soli

Se gli anziani, da un lato, risultano essere più attivi e sani rispetto al passato, dall’altro si sentono sempre più poveri e soli; è quanto emerge dal rapporto Censis-Repubblica salute presentato nell’ambito di un convegno dedicato proprio al mondo degli anziani.
Come detto, lo stile di vita degli anziani negli ultimi anni è cambiato in maniera consistente volgendo verso un miglioramento con sempre più tempo dedicato allo sport ed alla salute della mente; risulta aumentata anche l’attenzione dedicata alla qualità dei cibi e più in generale al tipo di alimentazione. 
Il 23,2% segue una dieta, il 30,3% cerca di trascorrere brevi periodi di vacanza nel corso dell’anno oltre a quelli estivi.
Altra buona notizia è che negli ultimi anni è diminuita la quantità dei non auto-sufficienti ed è aumentato di conseguenza il numero di persone anziane che riescono ad essere autonome; ben l’85% afferma di essere in grado di fare tutto da solo a fronte di una cifra, nel 2002, del 76,6%.
Dal 2002 al 2010, inoltre, sono aumentati tutti i segmenti della Terza Età; gli ultrasessantenni sono aumentati del 12,7%, gli ultra sessantacinquenni del 14,6%, gli ultra novantenni dell’11,8%. Anche i centenari trovano posto in questa speciale classifica e risultano addirittura raddoppiati: da 6mila a 15mila. Da segnalare che anche le patologie fortemente invalidanti si manifestano in maggioranza dopo la soglia dei 70 anni, quindi con uno slittamento dell’età in avanti rispetto al passato.

Pubblicità

 

Lo stato di salute degli anziani in Italia:

Questi i lati positivi emersi dal rapporto che, tuttavia presenta anche fattori critici; prima di tutto, la situazione descritta fino ad ora risente di una variabile territoriale, vale a dire peggiora man mano che si scende verso il Sud del paese.
Gli anziani che definiscono “insoddisfacente” o addirittura “pessimo” il proprio stato di salute sono il 16% circa al nord, il 22% al centro e il 30% nel Sud e Isole. Anche la percezione relativa al proprio stato segna fattori di criticità; circa il 60% degli intervistati, infatti, ritiene che la condizione degli anziani negli ultimi dieci anni sia rimasta inalterata mentre oltre il 24% sostiene che sia addirittura peggiorata. In sostanza, un anziano su quattro tra coloro che sono stati intervistati, rispetto al passato, si sente più solo ed inutile.
Analizzando a fondo i dati del rapporto Censis in riferimento a quest’ultimo dato, infatti, tre anziani su dieci ritengono di essere trattati male o con indifferenza oltre a denunciare difficoltà legate alla scarsa capacità di spesa; in sostanza, si sentono più poveri e più soli rispetto al passato.

 

Rapporto tra anziani e figli:

Altro dato interessante emerso dallo studio del Censis è quello relativo al rapporto generazionale tra anziani e figli che, oggi, rappresenta uno dei fattori di principale preoccupazione per le persone anziane.
Nel 2002 infatti solo il 3% si diceva preoccupato da questo tipo di rapporto, oggi il numero arriva al 17%; i dati si riferiscono chiaramente al bisogno di aiuto reciproco tra generazioni, con un aumento di coloro che aiutano i figli (il 48% degli over 65) e, contemporaneamente, una crescita di quelli che invece ( il 47%) sono costretti a chiedere sostegno a figli e parenti.
Ultimo capitolo, per le preoccupazioni più diffuse per il futuro; quelle relative alle relazioni con i figli, come detto, aumentano dal 3% al 17% con un salto secondo solo alla paura della morte e superiore a quella di perdere una persona cara. Significativa la riduzione di coloro che ammettono di essere preoccupati per il sopraggiungere di una malattia invalidante; si registra una diminuzione del 17,7% rispetto al 2002, segno che gli anziani percepiscono in maniera positiva il progresso scientifico e l’evolversi delle cure sanitarie.

Pubblicato in Archivio Notizie

Scritto da

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Seguici su: